DIECI MINUTI DI SHOW, PARTITA IN GHIACCIO E PRIMI DUE PUNTI IN CASSA!

FAENZA 79 – 38 FUSIGNANO

Non sono rimasti delusi i tanti curiosi che ieri sera si sono presentati al Pala Bubani.

Sono però bastati 10 minuti all’Alfieri band per chiudere una partita che si preannunciava facile ma che in realtà ha messo di fronte una squadra molto attiva e volenterosa, che ha tentato di contrastarci con tutti i mezzi a disposizione. Il risultato ampio è quindi frutto di diversi fattori, dal buon attacco alla difesa attenta, dalla determinazione alla velocità.

Proprio questo aspetto, con una serie di transizioni devastanti, ci ha portato sul 15 a 0 in pochi minuti, chiarendo da subito quello che sarebbe stato l’andamento del match. Ed anche quando le rotazioni han dato spazio a tutti i ragazzi a disposizione, l’intensità si è mantenuta alta e il vantaggio è man mano cresciuto.

Superfluo sottolineare la qualità vista in campo, con giocate e conclusioni che hanno spesso innescato applausi anche durante una partita che dopo poco si è trasformata in un allenamento, togliendo quel pathos che accende gli spalti.

Per le statistiche, la nostra stagione è iniziata con una tripla di capitan Morsiani, e profuma di buon auspicio.

Tabellini:

FAENZA: Pezzi 4, Santo 5, Boero 6, Catani, De Lorenzi, Dal Monte, Zambrini 21, Picone 15, Ragazzi 4, Pantani 8, Morsiani 9, Russo 2. All. Alberto Alfieri Ass. Marco Neri

FUSIGNANO: Lugaresi 16, Montanari 4, Baldini, Scardovi, Dalla Malva 1, Zanzi 2, Berardinelli, Nigro 4, Bucchi 5, Vecchi 4, Pelliccia 2, Capucci. All. Ortasi

Parziali 21-6, 18-11, 17-8, 23-13

Arbitri: Cieri, Cavina

 

 

 

 

SIGNORE E SIGNORI… E’ TUTTO VERO!! FAENZA BASKET PROJECT CALA IL TRIS!!


IL MERCATO DI BASKET PROJECT PARTE CON I FUOCHI D’ARTIFICIO!

Boero, Zambrini e Russo tornano a Faenza per dare spinta e qualità alla nostra formazione nel campionato di Promozione 2018/2019. Boero proveniente da Virtus Imola (C GOLD), Zambrini da Olimpia Castello (C SILVER) e Russo attualmente dedicato ad altro ma con tutta la voglia di tornare il play devastante che abbiamo avuto il piacere di vedere con la nostra maglia l’anno scorso. Questa operazione alza l’asticella della sfida, come si dice, ma l’obbiettivo principale rimane quello di divertire ed appassionare il nostro pubblico, mettendo in campo un roster di altissima qualità in tutti i reparti, peraltro non ancora completato. A breve vi regaleremo le prime parole in bianconero dei neo arrivati, e racconteremo qualcosa di più sull’operazione di mercato dell’estate. Oggi possiamo solo dire, con una certa emozione e carichi di orgoglio, benvenuti in famiglia a Gigi, Checco e Zambro!!

L’ALFIERI BAND NON STECCA L’ULTIMA SINFONIA

BASKET 2000 SAN MARINO 54 – 62 FAENZA

Si conclude con una vittoria la stagione della promo, che sbancano il multieventi di San Marino dopo una gara che siamo riusciti a conquistare, riaprire ed infine vincere.

Faenza parte in relax, anche stavolta la corsa non è la nostra arma iniziale; al contrario San Marino vola letteralmente e trasforma le rubate in punti con agili contropiedi. Solo a pochi secondi dalla prima pausa Morsiani e De Lorenzi portano avanti di due Faenza.

Secondo quarto da cineteca, da enciclopedia del basket. In difesa alziamo un muro, e come sempre da una difesa che lavora nascono facili conclusioni. Si arriva al +14 grazie al “buzzerone” di Biancoli e ai soli 7 punti concessi in 10 minuti, con un 3 su 15 dal campo per San Marino che pare aver spento le luci sulla partita.

Terzo quarto in controllo anche se San Marino prova a scuotersi e arriva a meno 8. Ci pensa Santo con una tripla a riportarci a + 11, ma le avvisaglie di una partita non ancora vinta ci sono tutte.

Pronto e servito: i locali tentano il tutto per tutto, la fortuna li assiste in qualche occasione e il pubblico si infiamma. Pian piano il divario si riduce, e grazie ad un gran parziale, San Marino è a meno 1 ( 48 a 49 ) a 6 dalla fine.

La tripla del sorpasso si spegne sul ferro, Santandrea mette un libero, e i due punti di Morsiani sono a dir poco liberatori. Ribaltamenti di fronte, liberi per tutti e noi facciamo solo 3 su 6. 54 a 55, rubata di Grandolfi per il + 3  a 1 minuto dalla fine, al quale seguiranno  altri due liberi e il canestro finale, sempre del nostro #7.

Si conclude una stagione a dir poco positiva, che ci avrebbe visto ai play off se non fosse cambiato il regolamento portando da 8 a 4 le squadre aventi diritto. Avanti cosi, ci prepareremo meglio per la prossima stagione!! Grazie a tutti!!

Tabellini: Troni 10, Santo 7, Grandolfi 14, De Lorenzi 3, Dal Monte 4, Biancoli 2, Catani, Patani, Santandrea 6, Polloni n.e., Morsiani 12, Fabbri 2. All. Alfieri

Parziali: 14/16, 7/19, 16/13, 17/14

PROMOZIONE: ANCORA UNA GARA DA DIMENTICARE

FAENZA 59 – 69 IBR RIMINI

E’ la domenica della scomparsa di Luca; Il minuto di silenzio rompe le righe in un applauso per l’uomo di sport, istruttore proprio su questo campo.

_____________________________________________________

Arriva un’ altra partita anonima per l’Alfieri Band che stecca l’ultima in casa negando la soddisfazione di una vittoria ai suoi tifosi, dopo 40 minuti che in fase difensiva salvano – a dire tanto – un terzo dei giocatori. Nasce così la partita ideale per Rimini, che a suon di triple (spesso ribattute) porta avanti il suo punteggio, e guida l’incontro con Faenza costretta ad inseguire. Sembra a volte quasi in controllo, come il gatto che gioca col topo: gli ospiti sono solo 7, qualcuno forse pensa che prima o poi dovranno cedere o rallentare; invece corrono fino all’ultimo secondo, galvanizzati da Zaghini con 25 punti finali (4 triple), mentre Faenza pian piano va in riserva, probabilmente raccogliendo il poco seminato in allenamento da quando la classifica ci ha tolto speranze e preoccupazioni, piazzandoci nella nostra casella col supporto della matematica. E in questi casi si sa, bastano pochi arrendevoli per trascinare il gruppo, dando vita a partite come questa con Rimini, che probabilmente avrebbe avuto un risultato diverso se Santo avesse avuto un pizzico di fortuna in conclusioni che solitamente non sbaglia nemmeno bendato. Ci ha comunque salvato ai rimbalzi, evitando un divario più pesante a fine gara. Buona prova di Grandolfi e Santandrea in attacco, anche loro comunque non fortunati con alcuni dentro – fuori incredibili. Menzione per Pantani che con due triple ha acceso la curva e ricucito lo strappo riminese del primo quarto.

Attendiamo l’ultima gara, il 20 aprile, a concludere una stagione positiva a livello di classifica avendo centrato il 6 posto prefissato come obbiettivo; peccato per il cambiamento del numero di ammesse ai play off, passato da 8 a 4, che in origine avrebbe tenuto vivo il campionato fino all’ultima gara senza spegnerlo come una sigaretta con un mese di anticipo.

Ora vorremmo un’ultima gara con il giusto atteggiamento in campo, per rimanere con un bel ricordo e smentire quanto visto con Rimini.

tabellini: Troni 8, Santo 7, Grandolfi 15, De Lorenzi, Dal Monte 2, Pantani 7, Santandrea 13, Bombardini 2, Morsiani 5, Fabbri. All. Alfieri

parziali: 16/18 17/22 11/15 15/14