SERIE A2: una super E-Work stacca il pass per la Coppa Italia!

E-WORK FAENZA – TECHFIND SELARGIUS 67-55 (14-19, 15-5, 22-20, 16-11)


Faenza supera Selargius al Bubani e stacca il biglietto per le Final Eight di Coppa Italia, in programma dal 12 al 14 di marzo a Brescia.

La posta in palio è altissima e lo si vede sin dai primi minuti di gioco, giocati con grande intensità da entrambe le squadre. Selargius deve fare a meno di El Habbab e si appoggia alle giocate di Granzotto e soprattutto di un’ispirata Manzotti. Faenza risponde con le triple e i canestri di Porcu, che chiude la prima frazione a quota 10. I primi 10 minuti si chiudono sul 14-19 per le sarde.

Nel secondo quarto l’E-Work alza ulteriormente il livello della sua difesa, lasciando solamente 5 punti alla Techfind nell’arco dei 10 minuti a disposizione. Le bianconere partono forte con un 9-0 di break, guidato da Vente e Ballardini. Selargius reagisce con Ceccarelli e Cutrupi, ma due bombe nel finale di Franceschelli e Porcu portano le squadre all’intervallo sul 29-24.

Si alzano i ritmi nella seconda metà di gara, con Ceccarelli che prende per mano le sarde, mettendo in grossa difficoltà la difesa bianconera. L’E-Work però dimostra grande solidità e risponde colpo su colpo, prendendo in mano l’inerzia del match e chiudendo la frazione avanti 22-20.

La squadra di coach Sguaizer trova buone soluzioni offensive contro la zona sarda, sfruttando al massimo la fisicità di Vente e i tagli dal fondo di Franceschelli. La stessa numero 0 è costretta a lasciare per qualche minuto il parquet per un problema alla caviglia, ma fortunatamente riesce a rientrare pochi minuti dopo, chiudendo la gara da protagonista. Insieme a lei ci sono Ballardini e Porcu a mettere la parola fine alla sfida, che si chiude sul 67-55 e permette all’E-Work di salire momentaneamente al primo posto solitario in classifica.

Prossimo impegno mercoledì ore 19.30 ad Umbertide.

 

Tabellino Faenza: Franceschelli 10, Schwienbacher 4, Morsiani 2, Ballardini 5, Caccoli N.E., Soglia 4, Meschi, Cappellotto N.E., Vente 19, Brunelli 3, Porcu 20

Tabellino Selargius: Simioni 2, Mura, Pandori 3, Pinna, Granzotto 8, Manzotti 17, Loddo N.E., Cutrupi 8, Ceccarelli 17, Demetrio

SERIE A2: l’E-Work ritrova subito il sorriso e supera Bolzano!

E-WORK FAENZA – ACCIAIERIE VALBRUNA BOLZANO 60-51 (17-7, 18-19, 16-7, 9-18)

Torna al successo la squadra di coach Sguaizer, che supera Bolzano nella diciannovesima giornata del girone sud di Serie A2.

Faenza parte forte dal punto di vista difensivo, concedendo poco o nulla alle giocate ospiti, guidate da Kuijt e dalla ex Chiabotto. È proprio la ex bianconera a segnare i primi punti delle bolzanine, con l’E-Work che nel frattempo tenta il primo mini-allungo, ispirata da una positiva Soglia e dalle giocate di Porcu e Schwienbacher. Piermattei e Chiabotto provano a scuotere Bolzano uscendo dalla panchina, ma il canestro finale di Soglia chiude la prima frazione sul 17-7.

L’inerzia non sembra cambiare in apertura di seconda frazione, con Ballardini protagonista di alcune giocate che consentono alle padrone di casa di allungare fino al 30-15. Bolzano però non ci sta e firma un 0-8 di parziale, con la neo arrivata Garaffoni sugli scudi (9 punti in pochi minuti per lei). Negli ultimi minuti da segnalare una tripla di Morsiani ed un bel canestro a centro area di Schwienbacher, che mantengono Faenza avanti di 9 (35-26) all’intervallo.

Tterzo quarto che si apre con i canestri di Morsiani e Ballardini, che aprono un parziale importante per Faenza (11-0), che prende definitivamente in mano l’inerzia del match. Bolzano non trova la via del canestro, con Kuijt in serata “no” dal punto di vista realizzativo. Franceschelli in contropiede firma anche il +20 e Piermattei dall’altra parte fissa il punteggio sul 51-33.

La squadra di coach Pezzi non demorde e tira fuori l’orgoglio con la solita Garaffoni e con una bella giocata di Kuijt, che firmano un mini-parziale di 6-0 per le ospiti. Faenza respinge l’offensiva ospite con Ballardini, ma Bolzano risale nel punteggio e si riavvicina con Piermattei e Chiabotto. Negli ultimi minuti è una penetrazione di Porcu a chiudere definitivamente la partita, che termina sul punteggio di 60-51.

Prossimo appuntamento per Faenza in programma mercoledì sera a Firenze per il recupero del girone d’andata.

Tabellino FaenzaFranceschelli 7, Schwienbacher 4, Morsiani 11, Vente 7, Porcu 6, Ballardini 12, Caccoli, Soglia 10, Meschi 1, Cappellotto, Brunelli 2

Tabellino Bolzano: Kuijt, Fabbricini 5, Bonvecchio, Assentato, Marcello 2, Luppi N.E., Chiabotto 9, Piermattei 9, Garaffoni 14, Hafner 4, Villarini 8, Alberti N.E.

SERIE A2: l’E-Work mette la quinta e supera Nico al Bubani!

E-WORK FAENZA – GIORGIO TESI GROUP NICO BASKET 63-53 (28-14, 13-17, 10-11, 12-11)

Torna finalmente in campo al Bubani l’E-Work di coach Sguaizer, che mancava dal parquet casalingo da più di un mese oramai.

Priva di Liga Vente, la squadra bianconera ospita una delle formazioni più in forma di questo campionato, la Nico Basket reduce da 7 successi consecutivi e lanciatissima nella corsa playoffs.

Faenza parte fortissimo nei primi dieci minuti del match, guidata da un’ottima Lucia Morsiani e dalle triple di Schwienbacher. Nico segna i primi punti con Frustaci e Zelnyte, ma non può nulla contro l’intensità sulle due metà campo delle bianconere. Ballardini e compagne chiudono la prima frazione avanti 28-14, con 7/8 da 2 e 4/9 dalla lunga distanza.

Nel secondo quarto le ospiti trovano il loro punto di riferimento in Carlotta Gianolla, che si carica la squadra sulle spalle nel tentativo di riaprire la sfida. L’E-Work entra presto in bonus e la tripla di Perini riavvicina sotto la doppia cifra le toscane. La partita perde però ben presto una delle sue protagoniste assolute, perché la stessa Gianolla in contropiede perde l’equilibrio ed è costretta a lasciare il parquet per un brutto infortunio al ginocchio.

Il terzo periodo si apre con tanti errori da una parte e dall’altra, con i primi due punti che vengono messi a referto dopo circa 3 minuti di gioco da Frustaci. È sempre la numero 19 rosanero a guidare le offensive della squadra ospite, mentre Ballardini si guadagna un paio di viaggi in lunetta fondamentali per far respirare l’E-Work. Rachele Porcu conferma il suo momento magico dalla lunga distanza, con un 5/5 che consente alle bianconere di allungare nuovamente sul finale.

Gli ultimi dieci minuti si aprono con la solita Frustaci protagonista, con un bel canestro in penetrazione. Faenza risponde con Franceschelli, che segna alcune giocate importanti in un momento delicato. Nico ci prova fino in fondo, ma un 2+1 di Morsiani chiude virtualmente i giochi a poco meno di due minuti dal termine. Al Bubani finisce 63-53, con l’E-Work che conquista il quinto successo consecutivo.

La società E-Work Faenza ci tiene a fare un grande in bocca al lupo a Carlotta Gianolla per il suo infortunio, con l’augurio di rivederla al più presto sul parquet!

Tabellino Faenza: Franceschelli 9, Schwienbacher 11, Morsiani 9, Soglia 4, Porcu 16, Sangiorgi N.E., Ballardini 12, Caccoli, Meschi, Cappellotto N.E., Brunelli 2

Tabellino Nico: Nerini, Gianolla 4, Ramò 4, Frustaci 14, Zelnyte 13, Giglio Tos 13, Tesi N.E., Perini 5, Modini, Mariani N.E.

 

SERIE A2: UNA E-WORK MAI DOMA SFIORA LA RIMONTA, MA E’ CREMA AD ANDARE IN FINALE!

E-WORK FAENZA – PARKING GRAF CREMA 53-60 (9-13, 14-24, 18-12, 12-11)

Si ferma in semifinale la corsa delle nostre ragazze nella Coppa Italia di Moncalieri. Nonostante le assenze di Ballardini e Morsiani le bianconere lottano fino all’ultimo contro Crema, recuperando anche 15 lunghezze di divario. Non bastano i 17 di Schwienbacher e i 20 rimbalzi in coppia di Soglia e Vente.

Quintetto Faenza: Francheschelli, Schwienbacher, Brunelli, Soglia, Vente

Quintetto Crema: Melchiori, Caccialanza, Rizzi, Pappalardo, Nori

La tripla di Caccialanza rompe l’equilibrio, dopo due minuti iniziali conditi da tanti errori su entrambi i lati del campo. Soglia in post basso segna i primi due punti per l’E-Work, seguiti da una magia di Schwienbacher, che firma il 5-3 bianconero. Crema si affida al tiro dalla lunga distanza ed alla fisicità della rientrante Nori sotto le plance. Faenza risponde con una buona giocata di Vente, ma la seconda tripla di serata di Melchiori costringe coach Rossi al primo timeout di serata (9-11). Il primo quarto si chiude con una bella giocata sull’asse Gatti-Nori, che fissa il punteggio sul 9-13.

8-0 il parziale firmato quasi esclusivamente da Caccialanza in apertura di secondo quarto: Faenza si ritrova a -12 in un amen (9-21) e Rossi deve fermare nuovamente il gioco.  Le bianconere tornano a segnare grazie alla tripla di Schwienbacher, seguita a ruota da un gioco da 3 punti di Vente (15-25). Il terzo fallo della lettone è un primo campanello d’allarme per l’E-Work, che viene però trascinata da Schwienbacher nel tentativo di rimonta. Pappalardo sbaglia l’appoggio vicino al tabellone, Porcu punisce dall’altra parte: 20-28 e timeout per coach Stibiel. Nuovo break in favore delle lombarde, che con un 7-0 toccano il massimo vantaggio sul +15 (20-35). Franceschelli trova i primi 3 punti della sua serata e fissa il punteggio sul 23-37 all’intervallo.

Partenza aggressiva per l’E-Work, che cerca di chiudere in difesa e ricucire possesso dopo possesso il gap nella metà campo offensiva: Brunelli e Soglia riportano le bianconere sul -9 dopo 3′ di gioco (30-39). Crema non trova la via del canestro e in contropiede Vente firma il 34-41 ed il suo settimo punto personale. Nori dalla lunetta permette a Crema di respirare, Franceschini risponde e il divario tra le squadre rimane invariato. Gatti e Rizzi firmano un mini-break che riporta le ragazze in maglia blu sul +11 (38-49). Tre punti in fila dell’E-Work portano le squadre all’ultimo mini-riposo sul 41-49.

Grande equilibrio in avvio di ultimo quarto, con le squadre che si rispondono colpo su colpo, fino alla tripla centrale di Franceschelli che vale il nuovo -5 E-Work (48-53). Pronta replica di Zagni, sempre dalla lunga distanza. Si entra negli ultimi 3 minuti del match con Crema avanti di 7 lunghezze (49-56). Due liberi di Soglia e altri due di Schwienbacher riportano Faenza sul -3. Melchiori ruba un pallone pesantissimo e appoggia in contropiede il canestro che potrebbe chiudere la sfida. Faenza tenta gli ultimi assalti ma Crema controlla, chiudendo sul 53-60 e conquistando la terza finale consecutiva nella competizione.

Tabellino Faenza: Franceschelli 9, Schwienbacher 17, Soglia 7, Brunelli 4, Vente 7, Franceschini 5, Morsiani N.E., Sangiorgi N.E., Caccoli 2, Meschi, Porcu 2

Tabellino Crema: Melchiori 13, Nori 9, Caccialanza 7, Rizzi 7, Pappalardo 9, Gatti 4, Zagni 5, Capoferri 4, Cerri 2, Degli Agosti N.E., Parmesani N.E., Guerrini N.E.