GIOVANILI: Le U18f vanno di diritto alle finali regionali 3×3

 

Le U18f vanno di diritto alle finali regionali come uniche partecipanti al torneo u18 nella provincia di Ravenna.

Le nostre vengono però sconfitte nella finale del torneo da Capra Team u16.

Terzo posto complessivo e secondo di categoria per le U16f, squadra nera, (2005) che perdono al supplementare nel derby contro le nostre u18 (12-10).

Escono contro le u18f anche le 2006 (U16 rosso) e le altre 2006 (U16 bianco) risultano sconfitte per 5-6 contro Capra Team con un po’ di pathos e agitazione nel finale.

Tutte brave nonostante un caldo invivibile.

2004: Margherita Agostinelli, Federica Bertozzi, Sofia Fabbri, Lucia Fragano

2005: Francesca Burbassi, Marta Fracasso, Cecilia Giorgi, Giulia Panzavolta

2006: Giorgia Amaroli, Bianca Anna Caroli, Alice Giglio, Caterina Papaleo (team bianco), Martina Frecentese, Sara Monti, Arianna Paganelli (team rosso)

SERIE A2: DOMANI IN PIAZZA FESTEGGIAMENTI

Domani sera, martedì 15 giugno 2021, alle ore 19, nella Sala del Consiglio Enrico De Giovanni del Comune di Faenza, l’amministrazione comunale, dopo la vittoria di domenica sera di Gara 3 contro il Valdarno, valevole per la promozione in Seria A1, incontrerà le atlete della squadra e la dirigenza del Faenza Basket Project per ringraziarle per i risultati ottenuti.
A seguire, indicativamente verso le 20.15, ci si trasferirà in piazza del Popolo per un momento di incontro con i tifosi, la città e i nostri sponsor.

TUTTI IN PIAZZA!!

SERIE A2 – FINALE: E-Work sei bellissimA! Il Bubani esplode di gioia e Faenza ritorna in Serie A!

E-WORK FAENZA – SAN GIOVANNI VALDARNO 71-47 (15-13, 23-0, 21-23, 12-11)


Faenza sceglie di partire col classico quintetto visto nelle ultime uscite, composto da Schwienbacher, Franceschelli, Policari, Morsiani e Vente. Valdarno risponde con Nativi, Missanelli, De Pasquale, Slim e Olajide.

È Morsiani con un sottomano rovesciato a segnare i primi due della serata. Le ospiti replicano subito e trovano il primo vantaggio col canestro di Missanelli (2-4). La tensione è tanta e anche il fattore caldo si fa sentire nei primi minuti di gioco: le squadre segnano poco e il primo mini allungo lo firma Vente per l’8-4 E-Work a metà frazione. L’ingresso di Cecili e Gregori migliora la circolazione offensiva di Valdarno, che con la tripla dall’angolo della numero 32 e il canestro di Bona firma il sorpasso (10-11). Brunelli colpisce da oltre l’arco, Bona risponde in penetrazione: il primo quarto si chiude con le padrone di casa avanti 15-13.

Partenza forte delle ragazze di Sguazer ad inizio seconda frazione: Valdarno sciupa diversi possessi grazie all’ottima difesa faentina e prima Franceschelli, quindi Porcu fanno volare l’E-Work sul +6 (19-13). Il timeout di Franchini non da i risultati sperati, perché le toscane perdono altri due palloni consecutivi e Vente segna l’appoggio che vale il +8 Faenza, obbligando il coach ospite al secondo timeout in pochi minuti. Si continua a segnare col contagocce e serve un libero di Policari per sbloccare nuovamente il tabellone (23-13), per il primo vantaggio in doppia cifra della serata. Il parziale bianconero è impressionante e si allunga ulteriormente con un 6-0 firmato Porcu-Brunelli: 29-13 a 4’ dall’intervallo. Il canestro sembra stregato per Valdarno e l’arresto e tiro di Meschi sulla sirena vale il 38-13 all’intervallo, con le toscane che chiudono il quarto segando 0 punti.

Torna a segnare anche Valdarno dopo oltre 13 minuti di gioco, con De Pasquale che firma il piazzato del 40-15, provando a scuotere anche le compagne. È sempre la ex Civitanova l’unica a trovare il fondo della retina in casa rossonera, ma Morsiani da oltre l’arco manda a bersaglio la tripla del +26 a metà frazione. Missanelli e compagne sembrano ritrovare fluidità in attacco e segnano con più continuità rispetto al primo tempo: due triple in fila di Slim riportano le ospiti sul -22 (48-26). Il parziale del quarto resta in equilibrio, con Slim e Ballardini protagoniste sulle due metà campo. L’ennesima tripla di serata di Brunelli fa esplodere il Bubani e vale il nuovo +25 E-Work. Le squadre vanno all’ultimo mini riposo sul 59-36.

Valdarno tenta la rimonta e apre il quarto con un 5-0 che convince Sguaizer a fermare immediatamente il gioco (59-41). La reazione di Faenza non si fa attendere ed in un amen le romagnole ristabiliscono le distanze con Vente e Schwienbacher. Valdarno torna a litigare col canestro, complice anche una difesa ai limiti della perfezione delle bianconere. L’appoggio di Franceschelli in contropiede vale il 67-44 a 5’ dal termine. Non c’è più spazio per i tentativi di rimonta delle toscane e può iniziare la festa del popolo romagnolo, che attendeva questo momento dal 2012. Faenza batte Valdarno 71-47 e ritorna nella massima serie.

Tabellino Faenza: Franceschelli 8, Morsiani  13, Schwienbacher 4, Policari 5, Vente 12, Franceschini N.E., Ballardini 5, Caccoli, Soglia 6, Meschi 2, Brunelli 9, Porcu 7

Tabellino Valdarno: Parolai N.E., Nativi, De Pasquale 6, Missanelli 6, Olajide 2, Slim 16, Bona 7, Sasso, Cecili 4, Togliani, Valensin, Gregori 8

SERIE A2: AVVISO PARCHEGGIO BUBANI

Faenza Basket Project avvisa gli spettatori che domani assisteranno alla gara 3 di finale playoff che il parcheggio di piazzale Aldo Pancrazi non sarà accessibile per parcheggiare le autovetture per via delle giostre del luna park di Faenza.

https://www.ravennanotizie.it/societa/2021/06/09/a-faenza-torna-il-luna-park-armato-contro-il-virus-per-la-gioia-dei-piu-giovani-appuntamento-dal-15-al-27-giugno-in-piazzale-pancrazi/

SERIE A2: PREPARTITA VALDARNO GARA 3

Ultima partita dell’anno. Ultima al Bubani.
Domani sera ore 19 (diretta facebook e youtube) andrà in scena l’ultimo atto decisivo della finale promozione tra Faenza e Valdarno, chi vincerà sarà promosso in serie A1.
Dopo gara 2 l’E-Work deve ricostruire una cavalcata che per i primi 70 minuti delle prime due gare era stata perfetta ma la pallacanestro è uno sport imprevedibile e quindi serviranno altri 40 minuti per le bianconere per riuscire a strappare la promozione.
Bubani sold out per la sfida decisiva, 25% della capienza consentita raggiunta.
Il pubblico sarà un fattore importante per la sfida come è stato a Valdarno per gara 2.
Le parole di coach Sguaizer:
“É chiaro che abbiamo subito un bel pugno dopo gara 2 ma la serie è ancora aperta e ci siamo guadagnate la sfida decisiva dentro le nostre mura. Abbiamo cercato di capire cosa è successo in quell’ultimo quarto.
Dovremo aumentare l’attenzione maggiormente cercando di migliorare nelle situazioni di 1vs1 e sui rimbalzi difensivi. 

Faremo la nostra partita con aggressività e testa per andare a prendere ogni vantaggio e concretizzarlo.”