UNDER 15 CSI: GRANDE IMPRESA A CREVALCORE !

CREVALCORE 54 – 68 FAENZA

Una di quelle partite da riguardare in tv. Non è certo esagerato descrivere cosi la prova di cuore compiuta dagli 8 ragazzi in foto contro una squadra, Crevalcore, dotata di almeno 3 elementi over – dei quali un paio davvero “belli grossi” – che già nelle fasi di riscaldamento avrebbe impensierito chiunque. A maggior ragione pensando alla panchina corta causa quattro assenze last minute.

Ma con la serenità di chi vuol far bottino, arriviamo al fischio d’inizio concentrati e ben organizzati da Bedeschi, che parla e spiega le strategie per la battaglia: pronti, via.

Pubblico ospite teso, locali sorridenti. Primi punti per Crevalcore, risponde Meneghini, tripla Crevalcore. Un pugno, anche se siamo solo al secondo minuto, perché l’impressione è quella di 40 minuti di sofferenza in arrivo, vista la leggerezza in campo dei padroni di casa. Invece Faenza c’è e risponde. Marziali non abbastanza attento viene cambiato, un paio di aggiustamenti e rispondiamo colpo su colpo fino al decimo, chiudendo in parità il primo quarto, con Motta e Baldo che fanno sudare gli avversari.

Pare già questo un risultato positivo, ma nell’aria qualcosa profuma. Sul 19 pari Marziali mette la tripla e suona la carica, e con un po’ di tensione in meno, inizia lo show di Faenza: due tempi nei quali corriamo forte, spesso ci ricordiamo di saper passare la palla, e arrivano quelle azioni dove in 4 secondi si passa dal rimbalzo difensivo al canestro realizzato. Buona giornata a canestro per Cantagalli e Meneghini, ma davvero tutti danno un contributo fondamentale per generare un complessivo 18 a 39 che fa letteralmente decollare la squadra verso una vittoria concreta, meritata e voluta fino alla fine, quando al 37esimo recuperiamo un altro pallone con la difesa che porta gli avversari a 24 secondi. Proprio la difesa è stata vincente, anche se punita dal fischietto per 15 volte contro le 7 per gli avversari, con conseguenti solo 4 liberi tirati da Faenza contro i 18 dei padroni di casa.

Complimenti agli otto guerrieri che non hanno smesso di correre fino a 100 secondi dalla fine, dove un comprensibile calo di tensione ha regalato un paio di canestri agli avversari, ma per Faenza erano solo sorrisi in campo ed emozioni in tribuna.

Tabellino: Campoli, Linguerri 6, Cantagalli 18, Baldo 4, Cavina 8, Meneghini 16, Marziali 3, Motta 13. All. Bedeschi

Parziali: 13/13, 10/23, 8/16, 23/16

PROMOZIONE: BOERO SHOW E VITTORIA SU MASSA LOMBARDA

FAENZA 58 – 45 MASSA LOMBARDA

Altra partita non facile, non scontata, portata a casa con maturità e mentalità dai ragazzi di coach Morigi.

Massa Lombarda, gruppo ostico e a dir poco energico, la mette sul piano fisico dal primo minuto, complicando la vita ai nostri ragazzi che pian piano vedono aumentare la distanza fra gli ospiti fino agli 8 punti di fine primo quarto. I rossoblù si caricano, spinti da un bel numero di tifosi al seguito, ma Faenza non si scompone, non si preoccupa della fisicità concessa dagli arbitri, e inizia a fare il suo gioco. Ragazzi fa il suo lavoro, Boero scalda la mano, Anghileanu realizza, poi ruba e recupera due palloni in un momento cruciale della gara. La difesa ingrana, lasciamo agli avversari qualche rimbalzo in meno e inizia un recupero che, se pur non completato nei dieci minuti, riporta in equilibrio una partita che se fosse rimasta nelle mani sbagliate sarebbe potuta diventare complicata.

Inizia il terzo quarto con Faenza sotto di due, ma ci pensa Santo: pareggia con due liberi, poi firma il primo sorpasso. Gli arbitri concedono meno, ma dalla lunetta abbiamo serie difficoltà e non monetizziamo. Botta e risposta con sorpassi e controsorpassi per quasi tutto il terzo quarto, poi la tripla di Conti dall’angolo e il tiro in sospensione di Ragazzi ci portano a + 3, ma Ugolini firma nuovamente il pareggio a quota 40.

Ultimi 10 minuti da giocare, con la sensazione che Faenza abbia qualcosa in più. La coppia Santo/Boero apre il sipario sullo spettacolo: inizia il pistolero con una tripla che suona la carica, poi ruba palla e segna ancora. Santo incontenibile va in lunetta e non sbaglia. Massa non segna più, poi si sblocca; ma sul ribaltamento è ancora Boero che tira da fuori: sbaglia, Santo recupera una palla che sembra persa e Boero tira dalla stessa mattonella e mette una tripla che pesa come un’atomica. Di fatto è game over.  Gli ospiti ci provano ancora, ma Santo prima vola, intercetta e recupera un pallone destinato a canestro, poi nell’azione seguente stoppa clamorosamente un’altra conclusione. Monumentale. Pantani segna i 4 punti conclusivi a sigillo della solita concreta prova.

Ancora una volta un buon contributo da parte di tutti, ovviamente un passo indietro Babini al rientro da infortunio, che comunque non si è risparmiato.

Prossimo appuntamento il 14 febbraio alle 21:30 sempre al Bubani contro Fusignano per vendicare l’andata.

Tabellino: Troni 7, Santo 10, Anghileanu 2, Boero 18, Ragazzi 6, Turchiarulo, Picone 2, Fabbri, Babini, Pantani 6, Conti 4, Morsiani 3. All. Morigi

Parziali: 13/21, 15/9, 12/10, 18/5

 

LUTTO IN CASA BASKET PROJECT

 

La Società, e potremmo sicuramente parlare a nome di tutti, si stringe attorno alla Famiglia di Monica Alpi che ci ha lasciati dopo una lunga lotta, portata avanti con la grinta dei guerrieri e un sorriso disarmante. Un abbraccio speciale al figlio Matteo e alla nipote Giada, nostri atleti, con la certezza che l’esempio di positività che Monica ci ha regalato rimarrà per sempre nel cuore di tutti.

E-WORK ANCORA VINCENTE: ESPUGNATA LA SPEZIA!!

LA SPEZIA 52 – 71 E – WORK FAENZA

Nuovo giro, nuovo capolavoro E-Work. In casa della capolista va in scena una gara perfetta per determinazione e intensità, come del resto abbiamo visto con Campobasso la settimana scorsa. Ma stavolta non c’è stato il minimo calo fisico, e nemmeno la possibilità per La Spezia di rientrare in partita, perché quando nel terzo periodo le locali provano a reagire, Faenza alza ancora il livello e di fatto chiude il match, portandolo in zona di controllo fino al quarantesimo. Una vera e propria prova di forza, dove il vero protagonista è stato il gruppo. Ma per dovere di cronaca (e con piacere) va sottolineata la prestazione di Baldi, che in uno scontro fisico importante con le lunghe Spezzine, vince su tutti i fronti: stoppa, mura, cattura rimbalzi, ruba palloni e mette anche a referto 10 punti che per pochi centimetri potevano essere 12.. Da menzionare l’ennesima prova difensiva di Franceschelli che ha praticamente annullato Templari miglior realizzatrice spezzina. Alta valutazione come quella di Ballardini, anche ieri scatenata. Ma le note di merito vanno davvero a tutte le ragazze, non solo per i punti realizzati, dove Morsiani fa 15 prima di scendere per un colpo subito, e Brunelli, da grande giocatrice, non perde la fiducia dopo un 1 su 5 dall’area e piazza 3 triple nel quarto conclusivo. 14 punti per lei. E via via tutte le altre, con contributo fondamentale alla causa anche se non riportato nei tabellini.

Faenza scende in campo con Franceschelli, Schwienbacher, Morsiani, Ballardini e Soglia. Si parte forte 4 a zero per noi, e il primo tempo è un punto a punto avvincente giocato a viso aperto, come del resto dimostra il  18 a 19 conclusivo. Nel secondo periodo la svolta: ottime scelte, difesa aggressiva, assist. Faenza confeziona un 8 a 21 che esalta i tifosi a seguito, forse un po’ stupiti nel vedere quel +14 sul tabellone, e fa capire a Rossi e ragazze che la strada è quella giusta: serve continuare.

Al rientro dagli spogliatoi La Spezia deve correre ai ripari e ci prova, con la giusta energia in attacco e più voglia di lavorare in difesa: E-Work vince però anche questa prova, perché se pur segnando solo 12 punti, per la seconda volta le padrone di casa non arrivano a 10 punti realizzati.

Faenza avanti di 17 a 10 minuti dal termine. La Spezia da grande squadra non smette di provarci tantomeno di crederci. E’ bagarre, fasi concitate che portano due palle perse per noi, qualche buona conclusione delle avversarie e il vantaggio si riduce a 11 punti. Forse l’incubo di sabato scorso riappare, e nessuno vuole ritentare la sorte. Time out, reset, e si torna in campo con la giusta serenità: Brunelli va in scena e con due triple consecutive spegne l’entusiasmo locale, in campo e in tribuna, e ci riporta in zona di sicurezza.  Inizia il botta e risposta che può solo condurre l’incontro verso un finale glorioso, per il risultato prestigioso, certo, ma soprattutto per il volume e la qualità del gioco visto. Una prova di forza che conferma quanto già dimostrato una settimana fa.

Ancora complimenti a tutte e al nostro staff, e un grazie di cuore ai venti tifosi che ci hanno seguito e spinto per 40 minuti!!

per il tabellino clicca QUI

PROMOZIONE: ANCHE MEDICINA SI ARRENDE AI BIANCONERI

MEDICINA 52 – 69 FAENZA

Altra grande prova di forza per Morsiani e compagni, che si impongono sul quasi inviolato campo di medicina.

Partita a senso unico, condotta dal primo al quarantesimo minuto, con un vantaggio che cresce gradualmente durante il match, a dimostrare la superiorità dei nostri.

Poteva essere una gara complicata dall’assenza di Santo, ma un grande Fabbri ha sopperito a rimbalzo, Picone e Pantani han fatto il loro buon lavoro e Morsiani è stato devastante (19 punti).

19 anche per un immarcabile Boero, che si diverte e fa divertire con una bella serie di triple. Ancora un ottimo lavoro in regia per Troni e Conti, che innescano e segnano.

Medicina, seconda forza del campionato, viene letteralmente spenta da una difesa attenta e puntuale; Forse troppo spesso sanzionata (27 falli), ma poco importa perché per fortuna dalla lunetta i locali sono poco fortunati. E cosi, grazie ad un attacco che invece funziona bene e produce, pian piano allunghiamo e mettiamo al sicuro un risultato importantissimo, che ci tiene a breve distanza dalla vetta della classifica e che soprattutto dimostra che potendo contare su un organico completo, la squadra c’è.

Avanti cosi, e tutti al Bubani venerdì sera che arriva Massa Lombarda, altra squadra da battere se vogliamo rimanere fra le grandi.

Tabellini: Ndiaye 4, Troni 14, Boero 19, Ragazzi, Dal Monte, Turchiarulo 2, Picone 4, Fabbri, Pantani 4, Conti 3, Morsiani 19. All Morigi.

Parziali: 14/17, 11/18, 14/16, 13/18