SERIE A2: BENTORNATA ELISA

La società Faenza Basket Project è lieta di annunciare il ritorno in maglia bianconera di Elisa Policari.
Ala di 184 cm, nata a Roma il 19/03/1997, Elisa è reduce da un’ultima esperienza all’estero con la maglia del Deportivo Zaramat (Spagna), dopo aver iniziato la stagione 2020/2021 a Vigarano, dove viaggiava a 12 punti e 4.8 rimbalzi a partita.
Policari ha vestito diverse canotte nel corso della sua carriera, partendo dal San Raffaele, per poi passare a Battipaglia, Faenza (oltre 9 punti di media nella stagione ‘18/19) e a Villafranca con Alpo. Ritorna in Romagna anche nell’ultima annata, ma solo per un brevissimo periodo, prima di fare salto da Coach Castelli a Vigarano e, come anticipato, optare per l’esperienza spagnola appena conclusa.
L’ala arriva dunque a rinforzare il roster a disposizione di Sguaizer, che si appresta a giocare il rush finale di campionato per poi lanciarsi nell’avventura playoff.
Elisa vestirà la maglia numero 10 e sarà subito a disposizione della squadra e dello staff tecnico già da questa settimana.
Un ringraziamento a Marco Florio e alla sua agenzia 13 Basketball Management per la loro professionalità nella riuscita della trattativa.
Da parte di tutta la società bianconera un grande “Bentornata” ad Elisa!

SERIE A2: l’E-Work controlla il match in Sardegna e mantiene il primato!

CUS CAGLIARI – EWORK FAENZA 47-65 (14-17, 7-14, 11-17, 15-17)

Dopo il weekend di Coppa Italia torna a vincere in campionato l’E-Work Faenza, controllando dall’inizio alla fine sul campo del Cus Cagliari e chiudendo sul 47-65. Top scorer della serata Morsiani a quota 15 (con 9 rimbalzi), in doppia cifra anche Soglia (11) e Porcu (10), ma va sottolineato l’apporto di tutte le giocatrici che vanno in 10 su 10 a referto.

L’E-Work di coach Sguaizer (al rientro in panchina dopo le assenze forzate nelle ultime settimane) parte con Schwienbacher, Meschi, Franceschelli, Morsiani e Vente in quintetto. Morsiani firma i primi due del match, Cagliari risponde con Niola e Striulli per il primo vantaggio sardo. La tripla di Franceschelli sblocca l’E-Work da oltre l’arco, ma capitan Striulli guida le compagne in attacco e firma il 10-9 a metà frazione. Al rientro dal primo timeout di serata, Faenza con un break di 8-2 riesce ad allungare sul 12-17 firmato dall’appoggio di Ballardini. Il canestro finale di Madeddu chiude il primo quarto sul 14-17.

Avvio sprint delle bianconere nella seconda frazione, guidate dal trio Schwienbacher, Porcu, Franceschelli, che ispirano le azioni offensive faentine, firmando un parziale di 14-5, che vale il 19-31 complessivo. Striulli segna l’ultimo canestro del primo tempo, mandando le squadre negli spogliatoi sul 21-31. Franceschelli top scorer delle ospiti a quota 7, mentre l’attacco rossoblù è quasi esclusivamente guidato da Striulli (8 per lei).

La bomba di Morsiani apre il secondo tempo di gioco e vale il massimo vantaggio di serata E-Work (21-34). Cagliari prova a reagire con un canestro e fallo di Ljubenovic, che è la vera anima delle sarde nella terza frazione. E’ sempre la numero 23 delle padrone di casa a firmare la tripla del -7 (32-39) a poco più di 3′ dalla fine, costringendo Coach Sguaizer al timeout. Le squadre tornano in campo e la difesa di Faenza alza l’intensità, impedendo a Cus di trovare la via del canestro e piazzando un 9-0 di parziale che mette un divario importante tra le formazioni prima di entrare negli ultimi 10′ di gioco (32-48).

Morsiani continua nella sua ottima serata, firmando il quindicesimo punto di serata e mettendo sostanzialmente in ghiaccio il risultato. Cagliari perde un paio di palloni per infrazione di 24″ e l’E-Work tocca il 33-55 grazie alla tripla della giovane Cappellotto. Cus si sblocca con la conclusione dalla distanza di Puggioni, che vale il -19 a 5′ dal termine. Soglia segna in appoggio e firma il nono punto personale del match, mentre Puggioni e Saias provano a tenere in vita le sarde nel finale (45-59). Non si segna quasi più negli ultimi minuti, fino al canestro di Alice Cappellotto che fissa il punteggio finale sul 47-65.

Tabellino Cagliari: Striulli 8, Caldaro 2, Niola 2, Prosperi 2, Ljubenovic 8, Puggioni 9, Serra, Sanna, Saias 5, Sorbellini 5, Petrova 0, Madeddu 6

Tabellino Faenza: Franceschelli 8, Schwienbacher 5, Morsiani 15, MEschi 3, Vente 1, Ballardini 3, Caccoli 4, Soglia 11, Cappellotto 5, Porcu 10

SERIE A2: PREPARTITA CUS

 

Finalmente torniamo a giocare!
Dopo due settimane dalla esperienza in Coppa Italia, le bianconere rientrano sul parquet per la sfida di campionato contro Cus Cagliari (palla a due domani ore 18 DIRETTA ).
Bisognerà ritrovare il ritmo di gioco perso dalla quarantena preventiva e soprattutto la condizione atletica in vista di un mese di Aprile ricco di sfide importanti e decisive prima della corsa playoff.
All’andata finì con una vittoria schiacciante per la formazione di Coach Sguaizer grazie a una prova difensiva di alta categoria. Era un Cus diverso rispetto all’ultimo buon periodo della squadra di Coach Xaxa: nella sfida di andata era ancora assente Striulli, assoluta leader della squadra sarda.
La notizia più importante della prossima giornata di campionato, oltre al ritorno in campo, è il ritorno di Coach Sguaizer sulla panchina assieme al ritorno di giocatrici che sono mancate nell’ultimo periodo.
Le parole di Coach Sguaizer:
“Ritorniamo in campo dopo un periodo di stop e come è successo durante l’ultimo stop forzato, il nostro focus dovrà essere sulla nostra condizione e sulla gestione delle energie. Sono molto contento di tornare in panchina, mi è mancato molto il campo durante questa pausa.
É vero che domani il viaggio per la Sardegna è un fattore da valutare dal punto di vista fisico-mentale ma è anche vero che Cagliari ha giocato ieri contro Firenze quindi l’eventuale stanchezza verrà equiparata. 
Il Cus ha vinto sfide importanti nell’ultimo periodo, rispetto per la squadra sarda c’è, ma ora Faenza se vuole puntare ad obiettivi importanti non deve avere assolutamente paura di giocare contro di loro. Ritengo che dal punto di vista fisico stiamo abbastanza bene, se riusciamo ad imprimere energie soprattutto nella metà campo difensiva e togliere il loro gioco ai 24 secondi, credo che abbiamo buone possibilità di fare una buona gara.”