SERIE A2: l’E-Work non completa la rimonta ed esce sconfitta da Selargius

TECHFIND SELARGIUS – EWORK FAENZA 52-49 (13-10, 18-9, 9-16, 12-14)

Coach Sguaizer conferma lo starting five delle ultime uscite, con Policari insieme a Porcu, Franceschelli, Morsiani e Vente. Avvio a rilento per entrambe le squadre, con la tripla dell’ultima arrivata Elisa Policarbonato che vale il vantaggio 5-4 delle romagnole. Un altro appoggio in contropiede della numero 10 costringe Fioretto al primo timeout di serata. Selargius al rientro sul parquet firma un 7-0 di break salendo sull’11-7, ma la tripla di Ballardini risveglia subito l’E-Work. Non si segna praticamente più, se non per un appoggio di Manzotti che fissa il punteggio della prima frazione sul 13-10.

Si continua a segnare col contagocce anche nel secondo quarto, con Selargius che non sfrutta gli errori di Faenza, ma trova alcune buone giocate con Pandori ed El Habbab. L’E-Work non trova il canestro dal campo, ma riesce a muovere il tabellino solo dalla lunetta con Franceschelli (18-14). Manzotti e Granzotto danno la prima vera scossa al match, aprendo un 8-0 di parziale che fa volare le sarde sul 26-15. Vente fa 2/2 dalla lunetta, ma la tripla sulla sirena di Manzotti manda le squadre negli spogliatoi sul 31-19.

Dopo oltre 10’ a secco Faenza ritrova finalmente un canestro dal campo, con l’appoggio di Vente che tiene a galla le bianconere. Selargius risponde con la tripla di Pinna, ma la lunga lettone e Morsiani cercano di dare ritmo all’attacco E-Work (36-26). Capitan Ballardini prova a trascinare le compagne, firmando il 3/3 dalla lunetta che vale il nuovo -5. La terza frazione si chiude sul 40-35, con Vente già in doppia doppia (11 punti e 10 rimbalzi), mentre dall’altra parte sono i 16 di Manzotti a fare la differenza.

Bomba di Brunelli da una parte, risposta della solita Manzotti dall’altra e punteggio sul 43-38. Quattro punti in fila di Lucia Morsiani riportano a stretto contatto Faenza sul -1 a poco più di 5’ dal termine. Si rimane punto a punto, ma un runner di Manzotti allo scadere dei 24” regala a Selargius il nuovo +7 in un momento chiave della partita. Franceschelli in appoggio firma due punti veloci per tenere in vita l’E-Work (49-44). Un fallo tecnico per parte negli ultimi du minuti, prima a Policari e successivamente a El Hababb: Faenza riesce a ricucire ulteriormente il divario con Vente, che firma il -3. Ancora Vente dalla lunetta segna il -1 e si decide tutto negli ultimi possessi. Faenza manda in lunetta Simioni, che però è glaciale e fa 2/2 e sull’ultimo possesso la tripla del pareggio di Morsiani si spegne sul ferro. Selargius vince 52-49, trascinata dalla top scorer Manzotti (22).

Tabellino Selargius: Melis N.E., Simioni 4, Granzotto 9, Manzotti 22, Cutrupi, Ceccarelli 2, Mura 4, Pandori 2, Pinna 5, Loddo N.E., Demetrio Blecic N.E., El Habbab 4

Tabellino Faenza: Franceschelli 6, Morsiani 6, Policari 7, Vente 15, Porcu, Schwienbacher 1, Ballardini 11, Caccoli N.E., Soglia, Meschi, Brunelli 3

SERIE A2: PREPARTITA TRASFERTA SELARGIUS

Ultima trasferta sarda attende l’E-Work domani in scena a Selargius per 26a giornata del campionato.
Una trasferta insidiosa logistica (ore 15:30 palla a due) e cestistica perché le romagnole affronteranno la migliore compagine sarda del campionato (4a insieme ad Umbertide) che vorrà riscattare sia la sconfitta dell’andata, che causò la loro uscita dalla coppa Italia proprio ai danni delle bianconere, sia la pesante sconfitta di una settimana fa contro Nico.
La gara d’andata fu una bellissima sfida vinta dell’E-Work 67-55 trascinata da una grande prestazione di Rachele Porcu oltre l’arco (4/6 da tre punti). Quella di domani sarà totalmente una partita diversa visto il recupero di El Habbab per Selargius (assente all’andata) e il nuovo innesto bianconero Policari dall’altra.
Una sfida importante pochi giorni dopo una gara altrettanto importante vinta ad Umbertide.
L’E-Work cerca di chiudere al meglio una settimana dispendiosa (3 partite) in vista delle prossime decisive giornate di campionato.
Le parole di Coach Sguaizer:
“Domani sarà una partita difficile sia dal punto di vista logistico perché le trasferte in giornata non sono facili da amministrare sia per l’avversario che affronteremo. Selargius avrà il dente avvelenato dopo la pesante sconfitta contro Nico dell’ultima giornata e vorrà sicuramente rifarsi. Noi stiamo lavorando molto sulla gestione del ritmo. La gestione delle palle perse per noi è un aspetto fondamentale in relazione al ritmo che vogliamo imporre sulla partita. 
La squadra è in salute, stiamo recuperando piano piano tutte. Bisogna fare molta attenzione a Selargius, soprattutto al loro reparto esterno ricco di qualità. 
Cercheremo di portare a casa i due punti per aumentare la nostra convinzione e la nostra forza all’interno del campionato.”

SERIE A2: inarrestabile E-Work! Le bianconere passano anche ad Umbertide 56-60

UMBERTIDE – EWORK FAENZA 56-60 (12-18, 15-10, 9-20, 20-12)

 

Non si ferma la corsa dell’E-Work, che rischia nel finale ma passa anche sul parquet di un’ottima Umbertide 56-60.
Coach Sguaizer sceglie di partire con le stesse cinque viste in avvio con La Spezia: Porcu, Franceschelli, Policari, Morsiani e Vente.

Inizio forte con i primi due per l’E-Work targati Vente. Umbertide risponde portandosi avanti 5-3.
A metà frazione è vantaggio E-work con la bomba del capitano Ballardini, rientrata in campo dopo la pausa contro Spezia.
Il capitano assiste anche l’appoggio di Soglia per il massimo vantaggio Faenza sul 8-12. Difesa bianconera molto attenta controlla l’andamento della gara nei primi 10 minuti.
Il quarto si chiude con Faenza avanti 12-18.

Le umbre partono forte nel secondo quarto, con un mini-break di 5-0 che le riporta a contatto. L’E-Work con Morsiani e Vente risponde e mantiene il naso avanti fino a metà della frazione. Si segna col contagocce e gli errori sono tanti da entrambe le parti. Stroscio impatta sul 25-25, Pompei dalla lunetta firma il vantaggio delle padrone di casa. Serve la tripla di Schwienbacher per permettere a Faenza di rientrare negli spogliatoi avanti 27-28 nel punteggio.

Al rientro sul parquet si alza ulteriormente l’intensità ed il ritmo della gara: le due squadre si rispondono colpo su colpo ed il risultato rimane in equilibrio fino al 36-39 E-Work. Da quel momento le romagnole provano a dare una prima importante spallata al match, guidate dalla solita Vente e dall’appoggio di Franceschelli che vale il 36-44 e che obbliga coach Staccini al timeout. Umbertide rientra in campo senza però riuscire a trovare la via del canestro e le ospiti ne approfittano, sfruttando i punti di Morsiani e Ballardini, chiudendo così il terzo quarto sul 36-48.

Faenza sembra aver preso in mano l’inerzia del match, ma Umbertide non ci sta e piazza un parziale pesantissimo di 13-0: sono De Cassan, Moriconi e Stroscio a trascinare letteralmente le umbre nella rimonta. Ballardini dall’angolo spara la tripla che ridà ossigeno alle bianconere, Morsiani segue a ruota col piazzato dal mezzo angolo. Pompei tiene ancora a galla le compagne col canestro de 53-56, ma Franceschelli firma la giocata della partita nell’azione successiva: rimbalzo offensivo e appoggio del +5 che chiude virtualmente la gara. Il risultato finale della premia la squadra di Sguaizer, che passa 56-60 e mantiene il primato.

Tabellino Umbertide: Pompei 11, Kotnis 5, Speziali 3, Baldi 4, De Cassan 8, Dell’Olio, Bartolini N.E., Stroscio 14, Moriconi 9, Paolocci 2, Gambelunghe N.E., Ghion N.E.

Tabellino Faenza: Franceschelli 13, Morsiani 9, Policari, Vente 16, Porcu, Schwienbacher 6, Ballardini 14, Soglia 2, Meschi, Brunelli

SERIE A2: PREPARTITA RECUPERO UMBERTIDE

É iniziato il tour de force di aprile per l’E-Work per la conclusione della stagione regolare.
Un mese intenso di partite (2 questa settimana) tra recuperi e gare del calendario per arrivare pronti per la seconda fase della stagione: i playoff.
Dopo la bella vittoria di maturità contro un ottimo avversario come La Spezia, le bianconere questa settimana sono attese da due sfide (entrambe in trasferta) di alta classifica: Umbertide e Selargius.
Domani sera ad Umbertide andrà in scena il recupero per la 20a giornata del campionato (diretta youtube ore 19:30).
La compagine umbra è una delle squadre più frizzanti del campionato che, anche senza il loro capitano Giudice, continua ad esprimere una pallacanestro di alto livello.
All’andata ci fu la prima sconfitta in campionato per Faenza, tra le mura amiche del Bubani. Fu una sfida combattuta che diede la vittoria alle umbre dopo 45 minuti di gioco.
Quella di domani sera sarà un test importante per le faentine, non solo per i due punti in palio e per il mantenimento del primo posto, ma soprattutto per la crescita di squadra che le ragazze vogliono fare in vista dei playoff.
Le parole di Coach Sguaizer:
“Umbertide è una squadra che può farci fare un altro salto di qualità. É una squadra con caratteristiche differenti. Rispetto a Spezia gioca ad un ritmo molto elevato, non molla mai, vive sulle disattenzioni delle avversarie. Sarà una prova di maturità importante per noi in preparazione ai playoff. 
Dovremmo essere bravi a gestire i momenti di conversione tra attacco e difesa, cercare un equilibrio non affrettando le conclusioni e mantenere una concentrazione elevata per tutti i 28 metri metri del campo.”

SERIE A2: PREPARTITA SPEZIA

Il Bubani è pronto ad accendere le sue luci del sabato sera (ore 20:30 diretta youtube)
Si torna in campo in casa dopo più di un mese (ultima sfida il 20 febbraio contro Selargius) per una partita di alta classifica contro la storica e importante Spezia.
Faenza è tornata in campo una settimana fa contro Cus Cagliari portando a casa una vittoria importantissima per riprendere il ritmo dopo lo stop covid ma la notizia più importante  è che finalmente la squadra di Coach Sguaizer, dopo un lungo periodo, si è potuta allenare al completo.
Una squadra rinforzata dopo Cagliari grazie all’arrivo di Elisa Policari, un ritorno per la giocatrice romana. Giocatrice di qualità e fisicità, classe 1997, rientrata in Italia dopo un’esperienza in Spagna (intervista Policari).
Spezia è in un momento difficile nella sua stagione. É tornata in campo da poco dopo lo stop covid e nell’ultimo mese di campionato dovrà disputare ben 9 partite per chiudere la stagione.
É sicuramente una squadra diversa rispetto alla gara di andata nella quale l’E-Work dovette faticare molto per portare a casa la vittoria in un campo ostico come quello ligure.
Le parole di Coach Sguaizer:
“Spezia è stata la mia prima partita in trasferta sulla panchina di Faenza. Una partita nella quale l’apporto della panchina ha dato un contributo fondamentale per portare a casa la vittoria. 
Il presente è difficile da valutare. Spezia purtroppo arriva da più di un mese di stop forzato causa covid e facendo un confronto con le ultime due partite dopo il rientro dallo stop è una squadra in difficoltà dal punto di vista fisico. Però è chiaro che ci sarà da parte loro voglia di riscatto dopo la sfida contro Nico e continuo a pensare che possa essere Spezia una outsider molto importante per la categoria. Trovata la piena efficienza fisica e tattica, è una squadra con tantissima qualità da innescare sui 28 metri. 
Noi dobbiamo cercare di giocare sui loro punti deboli momentanei, essere performanti dal punto di vista difensivo e cercare di rimanere dentro al nostro piano partita.
Policari? Il suo arrivo ci porta due aspetti importanti all’interno del gioco: qualità e fisicità.”