SERIE A2: FAENZA PARTE BENE E REGOLA SAVONA

Con una buona partita di squadra Faenza supera Savona.

Faenza rispetta i favori dei pronostici e si impone contro una mai doma Savona, in una partita dove gli attacchi l’hanno fatta da padrona.

Faenza sempre senza Ballardini, ancora alle prese con un risentimento muscolare e senza Meschi che in settimana in allenamento ha riportato un infortunio al ginocchio ancora in attesa della diagnosi finale, scende in campo con la giusta determinazione e indirizza fin da subito la partita sui binari giusti. Dopo cinque minuti è già a +12 sul parziale di 14 a 2 e con la tripla di Policari a pochi secondi dal termine firma il +16 che vale il 25 a 9. Sulla sirena e Penz, che chiuderà come miglior realizzatrice della partita con 22 punti, a segnare la tripla che chiude il quarto sul 25 a 12.

Stesso copione anche nel secondo quarto. Faenza ruota tutti gli effettivi dando minuti anche alle giovani e la squadra risponde bene, a fine quarto il vantaggio si amplia fino a +21 che porta le squadre all’intervallo lungo sul parziale di 49 a 28.

Nel terzo quarto Faenza spinge ancora e arriva fino al massimo vantaggio di 27 punti sul 62 a 35 a metà tempo. Poi un calo di tensione soprattutto in difesa, permette alle Liguri di vincere il quarto per 27 a 23. Savona ci prova e con la solita Penz e Svetlikova tenta l’ultimo sforzo riportandosi fino a -11 sul parziale di 78 a 65 a sei minuti dal termine. Ma la speranza dura poco, Faenza riattacca la spina e in poco tempo si riporta a +20 a tre minuti dal termine. Nel finale molte palle perse e poca concentrazione permettono a Savona di limitare il passivo, e vincendo il quarto per 23 a 17 chiude la partita a -11 sul risultato finale di 89 a 78.

Da sottolineare l’ottima partita in attacco della squadra con ben cinque giocatrici in doppia cifra dove spicca, la prestazione di Policari che chiude con 20 punti con un 4/8 da tre, 5 rimbalzi e 3 assist.

Questi i tabellini :

http://www.legabasketfemminile.it/MatchStats.aspx?ID=218&MID=38936

Intervista a Coach Fulvio Bracco

Intervista a #5 Sara Franceschini