UNDER 14: VITTORIA E PRIMATO IN CLASSIFICA!! 54 A 52 SU IMOLA!!

10 e lode? No grazie, non basta per questi ragazzi per la prestazione di oggi. Oggi serve un trenta, perché la partita è stata veramente di livello magistrale grazie a due squadre che fino all’ultimo secondo hanno combattuto lealmente e con grandissime qualità, esaltando il pubblico presente che a più riprese si è lanciato in cori di incitamento.

La coppia Vespignani – Zoli ha preparato questo incontro nei minimi dettagli, e si vede dai primi minuti perché i nostri riescono a fronteggiare Imola senza affanni.. anzi: con un po’ di lucidità in più avremmo evitato alcuni errori su conclusioni facili e visto una partita più serena; ma c’è da dire di buono che la difesa bianconera spezza spesso il gioco avversario, lo limita, e raramente concediamo canestri facili. La somma di questi fattori mantiene le squadre appaiate, con allunghi che non superano mai i 5 punti.

Il primo quarto vede Imola più precisa e in vantaggio di 4 al decimo minuto, grazie a sette azioni portate a referto e una difesa attenta che però non sa ancora che il nostro 19 è intenzionato a farla soffrire parecchio. E’ infatti di Ragazzini la tripla che ci tiene a meno 4.

Secondo quarto, si scoprono le carte, ed entrambe le squadre si mettono al servizio dei loro cecchini: Imola mette a segno 12 punti, per noi il solo Ragazzini ne fa 14 con tre bombe che incendiano l’atmosfera e fanno balzare in piedi tutti quanti. Il gioco di squadra è perfetto, la palla circola e il tiro comodo arriva quasi sempre: bravi tutti e con Faenza a più 3 sul 29 a 26 si va al riposo.

All’uscita dagli spogliatoi il gioco si fa duro, nessuno vuol più concedere nulla, e la fisicità di Imola viene sfruttata; noi rispondiamo con meno lucidità, continua a vedersi qualche errore forse evitabile, ma ora la tensione inizia a salire ed anche se manca ancora un quarto, la sfida è nel vivo. Apre Sartoni, poi tripla di Melandri, ma la risposta arriva subito e Imola ci riprende in un attimo. La nostra difesa torna poi ad essere attenta, recupera palloni importanti, e dalle occasioni sfruttate nascono i 16 punti del terzo periodo che portano il nostro vantaggio a 5 lunghezze.

Ultima frazione di gioco: gli ospiti mettono in campo tutto il cuore possibile e ci riprendono pareggiando a quota 47 con tre liberi di Fusella per due falli subiti. Tutto da rifare, ma nessuno perde la calma tantomeno la voglia di portare a casa il risultato; canestro pesante di Ranieri, risponde Nanni, poi libero di Melandri, e ancora vantaggio Imola. Mancano pochi secondi, Ragazzini in lunetta per il vantaggio, contropiede e tiro sbagliato da Imola con rimbalzo difensivo VITALE di Bianchedi, che da il via all’ultima azione nella quale Ragazzini subisce fallo su tiro da 3 a 2 secondi dalla fine, e va in lunetta per gli ultimi canestri che fissano il risultato sul 54 a 52 . E festa sia!!!

Sul finire della gara, col risultato aperto, tanti di noi hanno sicuramente pensato che la vittoria finale potesse passare in secondo piano a vantaggio di una partita davvero bella, magistralmente gestita dai coach, vissuta con agonismo e correttezza dai ragazzi in campo e ottimamente diretta dai due arbitri, chiamati per avvalorare ancora di più questo incontro cosi sentito dai ragazzi delle due squadre.

Naturalmente averla vinta è meglio. E’ una vittoria che vale tanto, tantissimo, soprattutto perché ci ripaga del lavoro che sta portando avanti la squadra sia per qualità che per quantità. E quando le vittorie arrivano col contributo di tutti, valgono doppio.

Il primo posto in classifica (con Imola coinquilina) è uno spettacolo!!! VAMOSSS!!!!

Tabellini: Bonacci G., Tverdohleb 2, Albonetti 2, Bianchedi, Benini, Ranieri 4, Ragazzini 31 (5/6 da tre punti) Richetti, Calai, Melandri 7, Sartoni 8. All. Vespignani Assistente: Zoli

Parziali 10/14 19/12 16/14 9/12

Arbitri: Stefanelli e Marziali

Spettatori: tantissimi e corretti, locali ed ospiti (grazie a tutti!!)

PROMO SHOW A CASTEL SAN PIETRO E VITTORIA 67 A 72!!

Quello che è successo ieri nel pomeriggio di Castel San Pietro può lasciare spazio a tantissime interpretazioni, come ogni cosa pazzesca, ma di sicuro mette tutti d’accordo sulla grandezza del nostro cuore e sulla capacità di reagire senza panico che i ragazzi di Saragoni hanno nel DNA.

Si giocava in casa di una squadra in formissima, in un posto da sempre ostico, e proprio questo è il primo fattore invertito: i Black Lions han chiesto aiuto ai ragazzi delle under e in quaranta sono arrivati a Castel San Pietro per sostenere i bianconeri, con un colpo d’occhio da altra categoria.

Fra le nostre file ancora assenti Polloni e Bombardini, oltre a Caroli che lasciava il posto a Russo, presente last minute.

Inizia la partita e la tensione è palpabile, perché uno scontro diretto per i play off alla terz’ ultima di campionato è davvero tanta roba.

Apre le marcature Capelli, ancora non consapevole dell incredibile prestazione che sta per mettere in campo.

Rispondono in gruppo i castellani,  che blindano la difesa e piazzano un 12 a 0 mortifero quanto il parziale di 21 a 4 che si legge al sesto minuto di gioco.

Nel frattempo Faenza perde Villa, espulso per una brutta reazione all’ennesimo contatto di Tabellini.

Sembra notte fonda e Castello si esalta con le triple di Presicce, Fiumi, Vinera e Tabellini; Ma ci pensa Catani a suonare la carica con 2 bombe consecutive e un tiro dala media che portano Faenza al primo riposo sul 24 a 14, punteggio più adatto ai valori delle due squadre, sulla carta non lontani fra loro.

Secondo quarto equilibrato dove Faenza non affonda ma nemmeno recupera, perché il gioco si uniforma, le conclusioni da fuori vengono limitate e i ragazzi di Saragoni devono lavorare forte su ogni palla per rimanere appesi al match. Ma ci sono e sono vivi, anche se il parziale da altri 2 punti di vantaggio ai padroni di casa che entrano negli spogliatoi sul 42 a 30.

Si torna in campo fra cori e tamburi, trombe e bandierine, e la voglia di provarci è tanta, e soprattutto è un dovere nei confronti dei faentini in tribuna che tifano ininterrottamente da mezz’ora.

Troni subito in lunetta apre i giochi e inizia lo spettacolo firmato Capelli/Morsiani che seminano il panico nella difesa giallorossa: 10 punti del nostro Fabio, che uniti a quelli del capitano e di Pantani totalizzano un 20 a 12 frutto anche di una difesa che toglie definitivamente il tiro da fuori a Castel San Pietro. FAENZA A MENO QUATTRO e tutto da rifare per Castel San Pietro, che non ha avuto la capacità di chiudere la partita e si trova davanti una squadra che ormai ha fiutato il sangue della preda e questo la rende feroce.

I padroni di casa sono a corto di idee, mentre a noi non mancano, e andiamo a segno con Santo e Morsiani che mette la tripla del primo sorpasso a quota 57.

Punto a punto con Faenza sempre avanti per 5 minuti interminabili, finché non arriva la bomba di Presicce per il controsorpasso Castello e punto numero 67. Troni alza la voce e risponde subito dalla distanza riportando Castel San Pietro a meno due e chiarendo l’epilogo del match; la squadra di Morigi non può fare altro che arrendersi, concedendo gli ultimi liberi a Troni e Russo.

Da meno 20 a più 5. Non serve aggiungere altro.

Tabellini:

C.S.P.: Chiluzzi, Gravinese, Presicce 11, Mascagna 12, Fiumi 15, Farnè 3,  Tabellini 12, Chillo, Vinera 7, Albertazzi, Conti 7. All. MORIGI.

Faenza: Troni 14, Santo 11, Casali, Capelli 16, Dal Monte, Catani 8, Pantani 4, Russo 3, Morsiani 16, Villa, Ghetti, Fabbri. All. SARAGONI

Parziali: 24/14, 18/16, 12/20, 13/22

Arbitri: Merozzi e Asaro

PROVIAMOCI INSIEME!!! (chi non viene è un emiliano ;-) )

MATCH

E’ arrivato il giorno dove si chiede qualcosa a tutti.
Meritiamo questi play off, come li merita Castel San Pietro, e possiamo portarci a casa entrambi il risultato passando da due vittorie nelle prossime tre gare. Una delle nostre è quella che cercheremo domani, e per farlo abbiamo bisogno di aiuto, di calore.

Siamo appena nati ma abbiamo il pubblico più bello del campionato, che non ha mai avuto rivali nemmeno in trasferta, ma sappiamo che Castel San Pietro ha la stessa fortuna. Detto questo, se stai leggendo su questa pagina, non puoi mancare all’incontro dell’anno!!

UNDER 13, FACILE VITTORIA CON LUGO GREEN: 20 – 98

aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Partita dall’epilogo preannunciato, quella andata in scena ieri fra i nostri under 13 e un Lugo Green costretto a rimandare l’appuntamento con la prima vittoria stagionale.

Visto il divario fra i due gruppi si può parlare di una partita molto simile ad un allenamento, senza preoccupazioni fin dai primi minuti dove Faenza aumenta il vantaggio ad ogni possesso e con la sua ottima difesa non concede punti agli avversari. La partita prosegue su questo binario fino alla fine, concedendo quasi nulla a Lugo e continuando a segnare tanto e tutti.

Buon match in cui tutti si sono messi in evidenza sempre più in palla Marcello Isola, bravi Bulzacca e Carugati in regia, canestro dall’ arco di Castellani, quasi tripla.

Tabellini: Castellani 6, Fattorini 4, Carugati 6, Bulzacca 1 (7 assist), Capucci 25, Grossi 10, Isola 20, Baccarini 12, Melandri 6, Motta 8
Parziali 25/0 – 23/10 – 28/2 – 22/8

 

PROMOZIONE: IL CAPOLAVORO SI INFRANGE SUGLI ULTIMI 100 SECONDI

2017-01-26 21.36.11

Difficile stabilire se il bicchiere sia mezzo pieno o mezzo vuoto, ma vale la pena provarci perché dopo le ultime prestazioni, pressoché perfette, ci si aspettava molto e molto abbiamo visto: Faenza controlla una partita difficile, durissima, contro i primi della classe e fisicamente al Top. Fra i nostri le assenze di Casali Dal Monte e Bombardini accorciano e abbassano la squadra, ma anche dopo essere stati raggiunti abbiamo tenuto la partita punto a punto fino ad un minuto dalla fine, perdendo una gara che avrebbe meritato il pareggio o perché no, qualcosa in più se consideriamo la presunta differenza fra i roster. Proprio questa differenza ha probabilmente regalato la palla della vittoria ai bolognesi, perché per arginare e controllare per 40 minuti, evidentemente abbiamo speso tutto quel che c’era da spendere, arrivando al rush finale un po’ meno freschi di quanto sarebbe servito; nascono cosí le palle perse che creano il divario finale e ci bloccano a 2 centimetri dall’impresa dell’anno.

Mezzo pieno e mezzo vuoto, dunque: serve allora il terzo criterio per il verdetto, e arriva da S. Agata dove i locali fermano la corsa di Castel San Pietro (a pari punti con noi): questo ci lascia settimi in classifica e ci regala il lato positivo della giornata.

La partita inizia nel migliore dei modi: Russo torna in roster, e mentre continua a scaldarsi mettiamo in campo un quintetto che scopre subito le sue carte, rispondendo allo 0 – 4 firmato Demetri.

Troni da 3 e Santo rimettono a posto le cose, poi arrivano le triple di Catani, Morsiani (2) e ancora Troni che accendono il Bubani. La risposta bolognese è affidata ai solo Demetri e Zanchi, ma  si ferma a quota 12 contro i nostri 23.

La risposta arriva subito, perché la bomba di Russo al 12esimo è l’ultima concessa dagli ospiti, che portano il gioco dove si usano le spalle, per trarne vantaggio. Entrano in partita anche Di Marzio e Tosarelli fra gli ospiti, per noi fan tutto Pantani (messo poi fuori causa da un colpo all’orecchio) e Russo, che concretizzano il buon gioco di squadra, meno spumeggiante ma pur sempre efficace, perché va ricordato che si gioca contro i più forti anche se il primo quarto non lo ha fatto pensare. 11 a 19 il parziale e Bologna a meno 3.

Il terzo periodo è ancora all’insegna della buona difesa di Bologna, che continua a limitarci come noi del resto riusciamo a contenere il buon gioco avversario, fatto di cose semplici ed efficaci.  Bologna recupera ancora e si porta a meno uno: 45 a 44.

Ultimi 10 minuti, e la fatica inizia ad affiorare per tutti. Morsiani e Santo sono gli unici a segnare per noi, mentre gli ospiti vanno a bersaglio col solito Demetri e dai suoi compagni, che concretizzano le 4 palle da noi perse banalmente, e dopo il nostro mancato aggancio a quota 55 mettono i 4 liberi finali per il conclusivo 54 a 59.

Rammarico per non aver centrato il colpaccio, ma deve prevalere la consapevolezza dei nostri attuali mezzi, perché se avessimo vinto non sarebbe stato strano e tanto meno un regalo;

Giochiamo bene, sbagliamo poco, e lottiamo per 40 minuti, tutti, sempre. Nonostante la sconfitta si puo assolutamente essere soddisfatti e fiduciosi per il finale di campionato, che domenica prossima passa dallo scontro diretto con Castel San Pietro che assegnerà probabilmente la settimana posizione.

Forza ragazzi! !

Tabellini

Faenza: Troni 14, Santo 8, Capelli 2, Catani 3, Russo 7, Pantani 7, Polloni n.e., Morsiani 13, Ghetti n.e., Villa 2. All. Saragoni Ass.Vespignani.

San Felice Bologna: Stagnoli 2, Ghedini, Margelli 4, Sassoli 7, Zanchi 16, Demetri 14, Di Marzio 5, Tosarelli 5, Cavazza, Bianchini 2, Balducci 2. All. Zanini

Arbitri: Alessi e Meli