UNDER 14 VINCENTE A RAVENNA: 49 A 59. VAMOS!

I nostri under 14 passano anche sul campo di Ravenna senza troppe difficoltà, e arrivano carichi al torneo di Arezzo in programma dal 23 al 25 prossimi.

Inizio abbastanza rilassato dei nostri che permette a Ravenna di rimanere incollata. Secondo quarto con più  concentrazione e determinazione che porta a dieci i punti del nostro vantaggio con capitan Albonetti e Sartoni in evidenza.

Il terzo quarto, nostro punto forte in più di una partita, ci vede invece di nuovo troppo tranquilli e Ravenna non esce dal match: tre punti recuperati, e un meno sette che li obbliga a crederci ancora.

Parte cosi l’ultimo quarto, dove senza sforzarci controlliamo la gara riportando a 10 la differenza punti. Alla fine bene lo stesso, perché il risultato non è mai stato in discussione e perché è comprensibile un po’ di stanchezza per i ragazzi dopo un campionato lunghissimo giocato sempre ai vertici. Bravi bravi!!

ed ora… tutti ad Arezzo, poi concentrati per l’ultima di campionato e via con i play-off già conquistati da tempo. VAMOS!!

Tabellini: Bonacci G, Bianchedi 4, Albonetti 9, Ranieri 8, Benini 2, Ragazzini 7, Bonacci E, Calai 4, Melandri 8, Leonardi, Righetti, Sartoni 17 All. Vespignani Ass. Zoli

Parziali : 15/20 12/17 11/8 11/14

SNEAKERS CUP 2017: FAENZA VINCE UNA FINALE INCREDIBILE!!

Dopo essersi qualificata per la finale con 3 vittorie in altrettante gare, come del resto anche Imola, altra finalista, la squadra di Saragoni e Caroli vince la seconda edizione della Sneakers Cup.

Quest’anno il livello delle squadre si è alzato notevolmente, e il 79 a 66 della finale descrive due squadre con grande attitudine offensiva ma con anche tanta condizione per disputare a questi ritmi una finale di 40 minuti dopo altre tre partite in due giorni. Complimenti davvero, e complimenti anche alle altre squadre partecipanti: AVIATORS LUGO, CESTISTICA ARGENTA, BASKET BUDRIO, SALUS BOLOGNA, JUNIOR RAVENNA E TIGERS FORLI, per aver dato vita a sfide davvero avvincenti spesso decise all’ultimo tiro.

La partita è stata avvincente dal primo minuto, con le squadre che si affrontano a testa alta e segnano tanto: 22/17 al termine dei primi dieci minuti, con Faenza che riesce a limitare Imola, sulla carta favoritissima, sia per la qualità dimostrata nelle gare precedenti, sia per la lunga panchina ad alta qualità messa di fronte ai nostri, undici contati compreso i meno esperti, che rimangono presto 10 per un colpo accidentale subito da Monteventi.

Il secondo quarto vede un primo allungo di Faenza che sembra essere già in controllo, ma Imola non ci sta, alza il ritmo e segna, recuperando il parziale che si ferma sul 20/20 e rimanendo a meno 5.

Dopo l’intervallo gli ospiti partono più convinti di noi, o meglio, sanno di dover reagire e lo fanno bene difendendo forte, cosa che ci rende un po’ nervosi e ci fa forare qualche tiro di troppo. le percentuali si abbassano, Imola le mantiene, e piazza un 14/18 che totalizza il 56 a 55 col quale si entra nell’ultimo quarto.

Stanchezza per noi, spinta per imola, sembra mettersi male. Ma è adesso che arriva quel che serve: torniamo ad essere squadra: Bulzacca e Tverdohleb stringono i denti trascinando gli altri, Ragazzini ritrova tranquillità e tutti corrono come indemoniati. Imola non sa più come fare, perde palloni, sbaglia le conclusioni perché la nostra difesa è tosta. Prova ad indurire il gioco ma gli arbitri non lasciano correre e puniscono tutti i falli commessi; dopo i primi errori iniziali dalla lunetta Faenza sfrutta anche i liberi, il pubblico incita come fosse una finale di Eurolega, e la squadra vola: parziale di 23/11, super Imola domata, e inizia la Festa.

Tutti i ragazzi sono scesi in campo in questa finale, a dimostrazione del fatto che si parla davvero di Squadra, e tutti han dato tutto quel che avevano da dare, senza risparmiarsi. COMPLIMENTI!!!

 

Dal punto di vista organizzativo la manifestazione ha dato la possibilità di scendere in campo a tutti: dai ragazzi del Baskin, impegnati in una vera partita prima delle finalissime del sabato, a Bruno Cerella, in videoconferenza da Brindisi che ci ha parlato del suo progetto Slums Dunk, del quale ricordiamo la possibilità di acquistare merchandising contattandoci anche nelle prossime settimane.

Infine tutti i ragazzi sono stati premiati grazie a GEFF, PEZZI E MINOCCHERI, OFF SIDE e BIM, che ringraziamo come ringraziamo BARCHI TERMOIDRAULICA, COMPRO ORO FAENZA E GENERALI che ci hanno permesso di realizzare un evento cosi articolato e complesso.

Ringraziamenti anche a BORTO DJ per la sua musica ed il supporto tecnico, a VIDEOWORKS Bologna per la parte video, a RANIERI MASSIMO per le forniture.

A SIMONA BALLARDINI e MASSIMO ISOLA per aver premiato i ragazzi, a tutti i genitori che ci han dato una mano.

E l’ultimo ed importante GRAZIE va alla squadra Under 13 e allo staff che la segue e la fa crescere, perché questo è il primo traguardo raggiunto da un gruppo davvero speciale, da una squadra dove davvero TUTTI si impegnano, lavorano e giustamente ottengono risultati prestigiosi.

Grazie ancora a tutti!

(IN VIDEO GALLERY TROVERETE TUTTE LE FOTO DEL SQUADRE)

 

UNDER 13, ALTRA PARTITA SENZA STORIA: JR RAVENNA 14 – 68 FAENZA

“Non siamo del tutto a posto, e ci teniamo”… Potrebbe essere il titolo di questa foto!?!

Fanno bene a scherzare ed hanno di che gioire i ragazzi di Saragoni, eccome. La vittoria di oggi, come altre durante questo campionato, non ha bisogno di racconti tecnici, visto il risultato, ma va celebrata come la vittoria del sorpasso, perché colloca Faenza al primo posto solitario in classifica, a sole due giornate dalla fine del campionato, visto il risultato dello scontro diretto CRAL Mattei – GRIFO Imola. E’ presto per esultare, naturalmente, ma sta andando tutto secondo i piani, grazie esclusivamente ad un gruppo che ogni giorno entra in palestra con la voglia di migliorare e sfruttare il lavoro della coppia Saragoni – Caroli. Inoltre questa vittoria ci da ulteriore carica per la imminente SNEAKERS CUP in programma venerdì e sabato prossimi, alla quale la nostra under 13 parteciperà insieme ad altre 7 squadre regionali.

La partita di oggi ha confermato cose già viste: gioco, difesa, e soprattutto la capacità di tutti di dare contributi importanti alla causa, sia direttamente segnando punti, sia in fase di copertura o di assist ai compagni. Mettersi al servizio della squadra è espressione di maturità, e questo gruppo sul piano della collaborazione ha già qualcosa da insegnare. Per la gara di oggi è anche vero che la differenza di organico ha reso tutto più facile, ma ci teniamo a ribadire che queste qualità sono state sottolineate dopo quasi tutte le gare disputate negli ultimi mesi.

Complimenti a tutti, come sempre, perché ve li meritate!!

ORA TUTTI CARICHI PER IL TORNEO DI VENERDI!! VAMOSSS!!

Tabellini: Castellani 4, Tverdohleb 16, Carugati 8, Bulzacca, Baccarini 7, Melandri, Capucci 12, Isola 4, Monteventi 5, Montanari, Atfane 6, Motta 6. All. Saragoni Ass. Caroli
Parziali: 5/11 – 1/24 – 7/18 – 1/15

UNDER 14, FACILE GARA CONTRO GUELFO BASKET E VITTORIA 70 A 48

Torna in campo l’under 14 e lo fa con una vittoria facile, fra le mura amiche, descritta in un punteggio con ampio margine nonostante un ultimo quarto a riposo, dove la difesa ha aperto un po’ la strada ad un parziale importante degli ospiti.

Ci sta anche risparmiare energie per la volata finale del campionato, dove siamo ancora in lizza per il primo posto, posizione condivisa con Virtus Imola.

Le due squadre hanno infatti una sola sconfitta subita, ognuna in casa dell’ altra, ma la differenza canestri premia i gialloneri e ci colloca dietro di loro.

La partita inizia lenta, con i primi minuti di gioco caratterizzati da diversi errori da entrambe le parti; Ma Melandri apre le danze con due centri che svegliano i 10 in campo e finalmente si parte;

Mentre però gli ospiti continuano ad essere imprecisi soprattutto grazie alla buona difesa di Faenza, i ragazzi di Vespa vanno a segno man mano che scendono in campo, e il punteggio lievita fino al 22 a 7 del primo quarto;

Secondi 10 minuti con ampie rotazioni, ma dalla panchina arrivano altri 16 punti, con le danze aperte dalla tripla di Jack Bonacci e la solita capacità di segnare per tutti i giocatori. Guelfo non riesce a costruire gioco e quando ha l’idea buona viene spesso contenuta dall’attenta difesa dei nostri.

Altro break pesante nel terzo quarto, con un 22 a 11 mortifero, Faenza a + 32 e pratica archiviata, con Melandri e Ragazzini a segnare da tutti gli angoli, con tutti gli altri a fare da colleghi e non da spettatori.

Tutto perfetto, ma senza nulla togliere alla buona volontà degli ospiti che han lottato per 40 minuti, i mezzi a disposizione erano ampiamente differenti e il divario è frutto anche di questo.

l’ultimo quarto è di fatto un allenamento, che porta il risultato sul + 22 finale, passando da diverse belle giocate da entrambe le parti, nate approfittando delle difese non più murate.

Bravi tutti e in bocca al lupo anche a Guelfo per il proseguimento del suo campionato!!

 

Tabellini: Bonacci G. 3, Tverdohleb 7, Albonetti 4, Bianchedi 2, Benini 6, Ranieri 7, Ragazzini 13, Fabbri, Bonacci E. 2, Atfane 3, Calai 8, Melandri 15. All. Vespignani

Parziali 22/7 16/10 22/11 10/20

RIMINI BATTUTA PER LA SECONDA VOLTA!!! FAENZA AI QUARTI DI FINALE!!! VAMOSSS!!!!

Non ci sono parole.

Non esistono le parole adatte per ringraziare e complimentarsi con questi ragazzi, guidati da un Coach in una delle migliori opere stagionali, anzi, diciamolo, il capolavoro.

Non per una gara in controllo, non per le super percentuali o chissà quale altra cosa fra quelle che riempiono i titoli dei giornali.

Per il cuore. Per il gruppo. Perché questi ragazzi si vogliono bene e si vede da lontano, si aiutano e sono una squadra. Perché chiunque, sotto di 19 in un campo dove si vince una volta all’anno, avrebbe mollato, cercando di fare l figura migliore, ma si sarebbe arreso ad una squadra, quella locale, che piazzava tiri pesanti da ogni angolo del campo, difendeva duro, durissimo, e non lasciava nessuna buona idea ai nostri. Invece usciamo dagli spogliatoi a metà partita con la voglia di reagire, combattiamo e dimezziamo le realizzazioni dei padroni di casa, ma la grande fatica ci fa recuperare solo 2 punti e ne mancano ancora 9 al pareggio. Missione per gli ultimi 10 minuti, e pareggio che arriva a quota  60. Poi un supplementare perfetto, e il sogno si avvera;

Raccontata cosi sembra quasi facile, ma l’impresa ha davvero dell’incredibile perché chi non vede quel campo non può immaginare quanto sia ostico, come del resto la squadra stessa, a dir poco spigolosa.

Passare il turno a Rimini è “la conquista”. GRAZIE RAGAZZI!!!

L’articolo potrebbe finire qui, ma il dovere di cronaca per chi non ha investito la serata al seguito dei nostri ci porta all’incontro:

Ci presentiamo con Russo al posto di Catani ancora infortunato, ed il roster delle ultime gare.

Rimini parte forte, con la sua specialità: tripla di Del Turco, gioco facile e veloce, noi fatichiamo a prenderci le misure ma siamo sul pezzo, e segnamo con tutti e 5 i giocatori in campo.

I padroni di casa però sono indifendibili su certi giochi e dalla distanza colpiscono altre 3 volte, creando preoccupazioni importanti al coach che richiama subito i ragazzi. Primo quarto 22 a 17, e consapevolezza che con qualche attenzione in più saremmo in linea nonostante la loro artiglieria.

Secondo quarto, Pinto show: 10 punti consecutivi pare possano ammazzare la partita, Rimini vola e noi non troviamo soluzioni. Troni ne fa comunque 9, e sul 40 a 26 ci pensa Dal  Monte a mettere la tripla del meno 11.

Ripresa: i locali partono forte e allungano, ma Troni e Pantani segnano e Santo fa lo stesso, rientrando dopo troppa panchina per la situazione falli commessi. La difesa ha lavorato molto bene, e anche se i punti segnati sono solo 13, quelli subiti sono 11 contro i 22 del primo quarto, e questo ci da la giusta fiducia per affrontare gli ultimi 10 minuti, che vedono Villa e Troni protagonisti al tiro, ma tutta la squadra a fare muro in difesa, gambe in salute e voglia di combattere. Il morale non cede nemmeno con lo 0 su 4 in lunetta per Russo/Santo, e si continua a lavorare con attenzione. Faenza spaventa, recupera punto su punto e capitan Morsiani fa meno uno prima di uscire per falli, spesi bene per rompere il gioco gialloblu, e non utilizzati durante il quarto. Lollo ci porta in vantaggio a quota 58 a mezzo minuto dalla sirena; la Tripla di Verni rimette avanti rimini di due, ma quando tornano in attacco Troni ruba palla e va in contropiede ad appoggiare il canestro del pareggio!

Supplementare col pubblico Faentino in delirio, sorrisi in campo e tanta fiducia. Tripla di Pinto, stessa moneta per Troni. Tripla di Bomba per il più 3 Rimini, Santo dalla lunetta fa due su due, poi un altro giro uguale e tripla di Villa per rispondere a Bomba che segna ancora da fuori e mette un libero.

Sul 70 pari arriva il più 2 di Troni, Pinto prova e sbaglia il pareggio e il rimbalzo è nostro e si chiama vittoria!!!

 

Tabellini

Rimini: Tonini 4, Amadori, Conti, Verni 5, Naccari 2, Bomba 18, Ghinelli, Foschi 11, Distante, Pinto 19 Del turco 11, All. Miriello

Faenza: Troni 28, Santo 20, Casali, Capelli, Dal Monte 3, Pantani 2, Russo, Polloni, Morsiani 8, Bombardini 2, Villa 9, Fabbri. All. Saragoni

Arbitri: De Pasquale e Alessi

 

A PRESTO PER LA DATA IN CUI INVADEREMO SANT’AGATA PER GARA 1 DEI QUARTI DI FINALE!!