PLAY OFF PROMOZIONE: FAENZA SBANCA RIMINI 63 – 67 !!!!!!

COME LO INIZIAMO QUESTO ARTICOLO??

Esaltando la prestazione della squadra? parlando della tribuna con più faentini che riminesi? o in almeno altri 5 modi diversi, tutti incredibili e onesti, ma lo svolgimento dopo poche parole sarebbe lo stesso per qualunque titolo.

Se è vero che 10 giorni fa a S. Agata arrivò una vittoria che definimmo il traguardo stagionale, perché una volta raggiunti i Play Off abbiamo anche dimostrato chi siamo con un finale di campionato davvero impressionante, è altrettanto vero che la partita di ieri sera ci racconta una storia ancora più articolata, con trama e contenuti ancora più importanti;

Rimini non perdeva in casa dal 26 febbraio 2016. Frutto soprattutto di un campo da gioco davvero stretto, canestri scomodi, una di quelle palestre dove si gioca male davvero insomma; Per quanto riguarda la squadra invece la caratteristica che più si è fatta notare è l’atleticità di alcuni elementi che letteralmente sanno volare, producendo stoppate importanti anche sui nostri lunghi e conquistando rimbalzi.

Tutto il resto però è letteralmente sparito, nel corso di una partita iniziata bene per i padroni di casa e nel peggiore dei modi per noi, che perdiamo Catani per infortunio dopo 100 secondi di gioco. I gialloblu spingono forte e con Bomba e Del Turco producono un primo quarto da 18 a 12, più pesante da vivere che da leggere, perché noi perdiamo palloni stupidamente e puntualmente siamo puniti. Per faenza apre le marcature Bombardini sull’8 a 0 per Rimini, ma è Troni ad avere già la mano calda, dimenticando il polpaccio infortunato.

Nei secondi 10 minuti Faenza aumenta l’attenzione e ribalta il risultato portandosi a meno due: questa è stata la prima mossa vincente, perché abbassa l’entusiasmo riminese e inizia ad accendere i primi nervosismi. Pantani e Santo fanno il grosso dei punti, ma è tutta la squadra a macinare bene il gioco e a non commettere più gli errori iniziali, quasi sempre dovuti, come si diceva, ad un campo di gioco davvero scomodo;

La sensazione di svantaggio che si avvertiva a inizio gara è completamente svanita, il pubblico bianconero è on fire, e si riprende dopo la pausa lunga con la voglia di migliorare ancora, e con la consapevolezza di poterlo fare. Santo mette il piazzato del pareggio, Troni una tripla lacerante, poi ancora Santo e Bombardini dalla lunetta. Rimini non sa letteralmente come fare a contenere l’attacco faentino, che va a segno con tutti e da tutte le posizioni; i padroni di casa provano a farsi sotto con Tonini ma la bomba di Pantani spezza di nuovo le gambe ai locali, che chiudono il quarto segnando solo 11 punti contro i 25 di Faenza. 41 a 53, il pubblico impazzisce (ognuno per i suoi motivi) e Saragoni vuole chiuderla in fretta, anche perché la panchina più corta di Rimini porta un po’ di stanchezza sui volti degli avversari.

Si rientra per l’ultimo quarto con un filo di leggerezza che ci fa invece subire 3 canestri consecutivi, per i quali si chiama time-out; serve calma ma anche testa. Si passa da una sponda all’altra con tiri sempre precisi, ma Faenza risponde colpo su colpo all’attacco riminese e non perde il sangue freddo nemmeno quando si fa quasi raggiungere. Questa tranquillità è la seconda arma vincente di Saragoni & C, perché continuiamo a fare le cose giuste contrastando la frenesia di chi invece ha provato a recuperare ma senza successo; Si arriva al 40esimo in controllo, passando da un minuto di falli sistematici che mandano Troni in lunetta per il 4 su 4 finale che fissa il risultato sul 67 a 63 per Faenza.

Se chi ben comincia è a metà dell’ opera noi siamo al 51%, perché oggettivamente abbiamo tutto: testa, cuore, altruismo e tecnica. Serve “solo” ricordarselo, e mantenere tutti questi elementi in campo contemporaneamente. Rimini punisce ogni errore, ha una circolazione di palla mai vista prima in campionato, e disarmarla non sarà semplice in gara 2.

Per questo chiediamo aiuto al nostro pubblico, ai nostri amici: invitate, passate parola, condividete sui social… ogni azione è perfetta per portare più gente possibile martedì sera alle 21 al Pala Bubani. Vogliamo la tribuna piena, perché questi ragazzi se la meritano davvero.

Tabellini

Rimini:

Tonini 1, Conti, Verni 5, Bomba 18, De Martino, Vaccari 8, Distante 7, Del turco 13, All. Mirtello

Faenza: Troni 26, Santo 17, Casali 4, Capelli, Dal Monte, Catani, Pantani 8, Polloni, Morsiani 4, Bombardini 6, Villa 2, Fabbri. All. Saragoni

Parziali 18/12 12/16 11/25 22/14

Arbitri: Marinelli e Vannucci.

CSI: CAMPIONATO CONCLUSO SENZA IL BOTTO FINALE

Si è concluso con 3 sconfitte in altrettante gare il nostro campionato CSI under 14. Dire che il bicchiere è mezzo pieno può sembrare una trovata pubblicitaria, ma senza dire che siamo contenti di aver perso possiamo di certo essere soddisfatti della crescita dei nostri ragazzi che questo torneo gli ha permesso di fare; lo scopo è stato questo dal primo giorno, partecipando con una fitta compagine di 2004 in un torneo per 2003, e ne abbiamo spesso pagato le conseguenze.

ma la migliorata fiducia e conoscenza dei propri mezzi ha reso meno timorosi diversi ragazzi quando si sono trovati in campo nelle partite dei rispettivi campionati Fip. Quindi voto 10 ai ragazzi (tranne per quelle poche volte dove alcuni non han dato la giusta importanza a quel che stavano facendo, ma poi han capito 😉 ).

Buono anche il lavoro dei due Coach, che ringraziamo. Anche loro ora sanno su cosa poter migliorare e non devono di certo aver paura di alzare la voce.. i giovani non han paura di nessuno.

Grazie anche a tutti i genitori del gruppo, che hanno supportato questo progetto con la loro disponibilità nei trasporti e la loro presenza in tribuna. Fantastici.

In attesa di conoscere se ci sarà un evoluzione, tutti carichi nei campionati under 13 e 14!! Vamoss!!

PLAY OFF, MENO SETTE!!

Vero che l’obbiettivo stagionale fosse un piazzamento nelle prime otto, vero che siamo tutti contenti, ma sia chiaro, a nessuno manca la voglia di provarci ancora.

Abbiamo ancora voglia di trasferte, di Palabubani, e di giocare.

Quindi, chiediamo a tutti un piccolo sforzo per sopportare gli orari imposti da questo turno di play off, e ci auguriamo di avere ancora una volta il nostro grande pubblico insieme a noi. Come a Castel S. Pietro, per fare un esempio!! 😉

VAMOSSSSSS!!!!!!!!!!!!!

PROMOZIONE: VITTORIA DI CARATTERE A SANT’AGATA!! 70 A 79!!

VITTORIA DI QUALITA’ SUL CAMPO DI S.AGATA, DOPO UNA GARA SPETTACOLARE, QUASI SEMPRE CONDOTTA NEL PUNTEGGIO;

L’ultima di campionato ci regala un’altra perla da aggiungere alla collezione di referti rosa. Capitan Mors e compagni centrano una vittoria fatta di qualità e carattere, conquistata dopo una gara non certo facile, contro una squadra che fisicamente ha diversi vantaggi e qualitativamente presenta elementi importanti.

La partita inizia col 6 a 0 per Faenza che si presenta in 9 per le assenze di Villa (squalifica), Casali (spalla) Dal Monte e Polloni (influenza). Finalmente rientra però Bombardini dopo l’infortunio. S. Agata apre le marcature con la tripla di Montanari (chiuderà con 4 su 5 da tre punti). Gara piacevole da subito, mano calda per tutti i giocatori in campo e 17 a 21 al primo riposo.

Si riprende sullo stesso copione, con S. Agata che lavora bene ma Faenza fa sempre qualcosina in più, portando il vantaggio a + 7 sul 33 a 40 dell’intervallo.

Fra i padroni di casa in evidenza Vistoli, per Faenza i canestri sono più distribuiti anche se i soliti Santo e Troni guidano l’attacco.

Si rientra il campo con le squadre pronte a combattere, chi per difendere un vantaggio che se pur esiguo sembra un tesoro, chi per provare a contrastare la facilità con la quale Faenza ha giocato la sua gara. S. Agata aumenta infatti l’intensità, pressa, recupera palloni e segna. Un parziale di 12 a 2 vede il pareggio a quota 50, per poi chiudere il terzo quarto sul 55 a 53, grazie alle 3 bombe di Montanari che accendono la tribuna locale.

La partita inizia di fatto ora: 10 minuti per decidere una gara che a questo punto nessuno vuole più perdere, il gioco si inasprisce ulteriormente e arriva l’espulsione di Vistoli per fallo di reazione. Alla tripla di Pantani risponde Mastrilli, poi controsorpasso Faenza, nonostante dalla lunetta Troni e Santo facciano 0 su 4 consecutivo.

Faenza non molla più, e risponde a Camorani e Mastrilli con Catani e Troni, autore di 12 punti in un quarto periodo che recita il 15 a 26 vincente per i ragazzi di Saragoni.

Partita apertissima fino a due minuti dalla fine, ma abbiamo avuto più testa e cuore degli avversari e con merito conquistiamo una vittoria ininfluente per la classifica, ma importante per lo spirito con il quale ci tuffiamo nei PLAY OFF; prima stagione, neonati, obiettivo raggiunto e superato abbondantemente.

Grazie a tutti, ma tutti davvero, al nostro pubblico che sempre ci ha seguito e ai 4 soggetti strani, sempre in prima linea, sempre presenti. Chi scrive fa parte del gruppo, ma poco importa, perché la differenza fra autocelebrazione ed orgoglio è più che evidente.

Tabellini

S.Agata: Montanari 4, Esposito 2, Gaddoni, Pirazzini 6, Cirillo 4, Mastrilli 14, Filippi, Brignani, Baldrati 7, Vistoli 10, Camorani 11, Beltrami Fenati 5. All Lanzi Ass.Colombi

Faenza: Troni 27, Santo 18, Capelli, Catani 15, Caroli, Pantani 3, Morsiani 11, Ghetti 1, Bombardini 4. All Saragoni

Parziali: 17/21 16/19 22/13 15/26

Arbitri: Alessi e Zambelli

 

E ADESSO TUTTI A RIMINI!!

VENERDI 31 MARZO, ORE 21.15

PALESTRA STELLA – VIA FANTONI 36 – RIMINI