SERIE A2: AL BUBANI PERCORSO NETTO 8 SU 8

Al Bubani arrivano i due punti che valgono la Final Eight di Coppa Italia !

Dopo la sconfitta in Sardegna alle nostre ragazze non restava che vincere contro Valdarno per strappare l’ultimo posto disponibile per partecipare alle Final Eight di Coppa Italia. Cosi è stato, davanti alla solita cornice di pubblico che anche questa volta non ha fatto mancare il proprio supporto, la squadra non ha deluso e ha portato a casa l’ottava vittoria consecutiva fra le mura amiche che ci permettono di finire questo girone di andata imbattute nelle partite casalinghe. L’approccio è stato molto buono prendendo fin da subito le redini dell’incontro, con buone soluzioni in attacco e buona intensità difensiva. Sul finale del primo quarto è capitan Caccoli che con 4 punti consecutivi firma il più 9 sul parziale di 20 a 11.

Stesso identico copione anche nel secondo quarto vinto per 20 a 12 con buona distribuzione di punti fra tutte le componenti della squadra. All’intervallo lungo Faenza è avanti di 17 punti sul parziale di 40 a 23.

Ad inizio terzo periodo è una bomba di Gombac che prova a scuotere le sue, Faenza non segna e con Rosset e ancora con una tripla di Gombac le Toscane rientrano fino al -11, ma è solo un fuoco di paglia, Faenza rimane concentrata e con Morsiani e Franceschini, ottima la prova della giovane classe 2001, riportano Faenza in sicurezza e pur perdendo il quarto per 13 a 14 chiudono il terzo periodo sul 53 a 37.

La partita ormai a più poco da dire, Valdarno tenta di rientrare ma non riesce mai a scendere sotto il -11 e alla fine Faenza si prende i due punti che gli consentiranno di disputare la Final Eight che si giocherà nel week end del 22-24 di Marzo a Campobasso.

Il nostro avversario sarà Alpo Verona, che ha vinto il titolo di campione di inverno del girone Nord, e che incontrammo già nella passata stagione nella finale Play Off giocata a Lucca.

Questi i tabellini :

http://www.legabasketfemminile.it/MatchStats.aspx?ID=218&MID=38845&rg=

 

SERIE A2 : BEFANA AMARA PER L’INFINITYBIO !

Faenza lotta ma al supplementare la spunta il Selargius.

Le partite dopo la pausa sono sempre complicate e la trasferta in terra di Sardegna lo ha confermato. Che si trattasse di una partita difficile ne eravamo più che consapevoli, perché il San Salvatore è una squadra che ha dimostrato in questo campionato di poter vincere contro tutti.

Nel primo quarto entrambi le squadre hanno faticato a trovare ritmo in attacco tirando con basse percentuali. Faenza tenta il primo allungo a metà periodo con un mini parziale firmato Ballardini-Morsiani portandosi sul +6, a cui ha risposto prontamente Arioli con una tripla e il quarto si chiude con Faenza avanti di 1 sul parziale di 13 a 12.

Ad inizio secondo quarto arriva il primo vantaggio per il Selargius firmato da Lussu, ma la partita procede in sostanziale parità. Il vantaggio delle padrone di casa arriva fino a +4 con il tap-in realizzato da Gagliano che firma il 21 a 17. A quattro minuti dalla fine è Preskienyte con una tripla a portare nuovamente in parità le squadre sul 22 pari. Il quarto lo vincono le Sarde con il parziale di 18 a 16 che gli consente di andare all’intervallo lungo in vantaggio sul risultato di 30 a 29.

Arioli segna ad inizio terzo quarto il +3 ma poi Faenza piazza un break di 7 – 0 con il canestro in appoggio di Soglia che vale il +4 per Faenza. L’inerzia della partita passa a nostro favore e con capitan Caccoli a quattro minuti dal termine segna il canestro che vale il +9 sul 42 a 33. La reazione delle padrone di casa non tarda ad arrivare e piazzano subito un break di 6 a 0 che riavvicinano le due formazioni. Il quarto lo vince Faenza per 15 a 9 che ci permette di iniziare l’ultima frazione in vantaggio di 5 lunghezze sul 44 a 39.

Nell’ultimo quarto Ballardini si mette in proprio e con 5 punti consecutivi firma il +10 sul 55 a 45 a sei minuti dal termine. Il Selargius però non molla e trascinata da un immensa Arioli, finirà l’incontro con 26 punti e 7 assist, piazza un break di 5 a 0 che riporta le padrone di casa sul 50 a 55. Ancora Arioli firma il 54 a 57, ma sul ribaltamento di fronte ancora Ballardini prova a chiudere la partita segnando una tripla che riporta Faenza sul +6 a poco più di un minuto dal termine. Sembra il colpo del Ko, ma le padroni di casa non sono di questa idea. Prima Brunetti realizza da due più fallo che costa l’uscita dal campo di Ballardini per cinque falli e dalla lunetta riporta a -3 il Selargius. Il resto lo fa Arioli ancora dalla lunetta che riporta sul 59 a 60 la squadra Sarda. A pochi secondi dalla fine Mura recupera la palla e costringe Preskienyte al fallo. Si torna in lunetta dove Mura realizza solo il secondo libero che vale il pareggio sul 60 pari.

Si va così al supplementare dove Faenza inizia subito bene portandosi a +4 con il duo Morsiani – Soglia ma questa volta è Mura a trascinare le sue e a due minuti dal termine riporta il punteggio in parità sul 66 a 66.

Sempre Mura segna il vantaggio a 30 secondi dal termine e dalla lunetta Lussu con un due su due chiude la partita sul risultato di 74 a 70.

Alla fine è il Selargius a fare festa.

Torniamo a casa con il rammarico di aver perso una partita che potevamo vincere se avessimo gestito meglio alcuni palloni sul finale. Senza togliere nulla al Selargius che alla fine ha vinto meritatamente, non possiamo non notare guardando le statistiche, che a pesare notevolmente sul risultato sono stati i tiri liberi dove Faenza ha fatto un 5 su 7 contro le padrone di casa che ne hanno tirati 25 realizzandone 17.

Questi i tabellini :

http://www.legabasketfemminile.it/MatchStats.aspx?ID=218&MID=38834

 

SERIE A2 : AL BUBANI UNO FISSO !

L’InfinityBio chiude il 2018 con il Bubani inviolato !

Faenza mantiene inviolato il PalaBubani e come da pronostico regola Orvieto senza grosse difficoltà. C’è aria di Festa in città ma come al solito i nostri tifosi si sono presentati numerosi per vedere le nostre ragazze dopo due settimane di assenza.

La partita non ha regalato grandi emozioni troppo diverse le forze in campo. Faenza con un roster costruito per lottare fra le prime posizioni, mentre le Umbre alle prese con una formazione praticamente di Under 20 consapevoli che dovranno lottare fino alla fine per conquistare la salvezza.

Il primo quarto vede un avvio blando delle padrone di casa e Orvieto ne approfitta portandosi sul 6 a 2 dopo due minuti di gioco, ma si tratterà di un fuoco di paglia, in poco tempo Franceschini segna il pareggio e da li in avanti sarà solo un monologo della formazione di casa. A poco meno di un minuto dal termine ancora una penetrazione di Franceschini porta Faenza sul massimo vantaggio di 12 punti sul 20 a 8 e il quarto si chiude sulla bomba di Ceccanti che fissa il parziale sul 20 a 11.

Nel secondo quarto la partita si chiude con il parziale di 22 a 13 che porta Faenza al riposo sul più 18 sul risultato di 42 a 24.

Stesso copione anche nel terzo, troppa differenza fisica oltre che di esperienza fra le due compagini, e Orvieto nonostante un atteggiamento positivo non riesce proprio ad arginare le avversarie e il parziale si chiude sul 21 a 7 che fissa il punteggio sul 63 a 31.

Nell’ultimo quarto le squadre hanno già la testa altrove e si vede molta confusione e poco basket. Lo testimonia il punteggio dell’ultimo parziale con Faenza che realizza 8 punti e Oriveto 4.

La partita si conclude così sul risultato di 71 a 35. Da segnalare l’ottimo debutto al Bubani di Elisa Policari dove è riuscita a strappare i primi applausi mettendo a referto 13 punti (3/5 da due e 2/5 da tre e 172 ai liberi) 4 rimbalzi e 3 assist in 27 minuti giocati e la prova della giovane Franceschini che ha realizzato 12 punti (5/6 da due 0/2 da tre e 2/2 ai liberi) 3 rimbalzi e 2 assist.

Da registrare anche i primi punti in serie A2 di Alice Giorgetti classe ’99 che ha ben sfruttato l’occasione concessagli da coach Bassi.

Ecco i tabellini http://www.legabasketfemminile.it/MatchStats.aspx?ID=218&MID=38826

Intervista a #12 Elisa Policari

 

Intervista a Coach Alessandro Sogli

 

 

SERIE A2: FAENZA NON FA SCONTI E VINCE FACILE A SAVONA !

L’InfinityBio parte concentrata e per Savona non c’è scampo !

Dopo la sconfitta inaspettata di Pistoia le nostre ragazze erano chiamate ad un pronto riscatto e così è stato. Fin dalle prime battute la squadra ha messo in campo tanta voglia e determinazione e per Savona c’è stato poco da fare. Troppo evidente la differenza fra i due roster sia fisica che tecnica.

Nel primo quarto dopo soli tre minuti giocati il risultato era già sul 12 a 0 frutto di una buona difesa e contropiedi sfruttando la fisicità di Morsiani e Preskienyte che ha permesso a Faenza di chiudere il quarto sul più 13 sul parziale di 22 a 9.

Nel secondo quarto di fatto si è chiusa la partita con le padrone di casa che per lunghi tratti non sono riuscite a trovare la via del canestro chiudendo il parziale con soli 5 punti realizzati contro i 19 di Faenza. Le squadre sono così andate all’intervallo sul 41 a 14.

Faenza ha sfruttato così l’occasione per dare minuti importanti a tutte le giocatrici a disposizione e tutte hanno risposto ottimamente. Solo nel terzo quarto la partita si è giocata in un sostanziale equilibrio anche se alla fine l’ha spuntata sempre la squadra Romagnola vincendo il parziale per 21 a 18 che è valso 62 a 32. L’ultimo quarto non ha riservato nessuna sorpresa, Faenza ha continuato a giocare senza risparmiarsi, troppa era la voglia di riscattare la sconfitta del turno precedente e anche l’ultima frazione è stata vinta per 21 a 13 fissando così il risultato finale su un netto +38 sul 83 a 45.

Mvp della serata Preskienyte con 14 punti, 14 rimbalzi e 2 assist in poco più di 23 minuti. Basta vedere la valutazione totale della squadra che ha totalizzato 112 per capire come tutte le ragazze chiamate in campo hanno dato un contributo importante a questa vittoria.

Da sottolineare anche i minuti concessi alla giovane Minguzzi che ha chiuso la partita con 6 punti frutto di un due su sei dal tiro da tre.

Ecco i tabellini :

http://www.legabasketfemminile.it/MatchStats.aspx?ID=218&MID=38816

 

SERIE A2: TRASFERTA AMARA IN TOSCANA

L’InfinityBio parte bene ma alla lunga la spunta Pistoia !

Inaspettata e pesante dal punto di vista psicologico la sconfitta subita dalle nostre ragazze dell’InfinityBio in terra toscana, contro una squadra che fino a ieri aveva vinto solo due partite.

Buono l’avvio delle nostre ragazze, che dopo una prima fase di studio, riescono a prendere le misure alle pistoiesi, e con una buona alternanza di punti da sotto con Preskyenite e Soglia, e tre triple cercano di allungare sulle avversarie, con già un buon vantaggio di 6-17. Nonostante qualche palla persa di troppo, il primo quarto si chiude con il punteggio di 13-19.

Il secondo quarto si riapre con lo stesso canovaccio, con le nostre che cercano di mantenere un buon margine, anche se non del tutto rassicurante (20-27  al 15°) ma le giocatrici in maglia rosa, ben supportate dai nuovi innesti settimanali di Innocenti e Lazzaro, non demordono. Anzi piano piano, grazie all’ottimo approccio della numero 8 Bona, piano piano si riavvicinano, fino a chiudere il quarto a 33-35.

L’inizio del terzo è un incubo per Faenza; 15 punti subiti contro 3 realizzati ribaltano letteralmente l’inerzia del match. Bona fa quello che vuole in area (22 p.ti alla fine per lei), Innocenti e Lazzaro innescano facili soluzioni d’attacco e per le nostre è notte fonda. Arriviamo a meno 10 senza neanche accorgercene e capiamo che portare a casa questi due punti sarà durissima. Per fortuna che alla fine del quarto riusciamo a contenere un po’ l’emorragia, e con una tripla di Preskyenite sulla sirena arriviamo a chiudere con solo quattro punti di passivo (50-46).

L’ultimo quarto vede le avversarie non mollare un centimetro, continuando ad essere aggressive in difesa e puntuali in attacco, Faenza proprio non riesce a venirne a capo, e al 35° sono nuovamente 10 i punti di svantaggio da recuperare (48-38). La panchina faentina decide allora di ricorrere alla difesa a zona, che ci aveva aiutato a ribaltare l’incontro casalingo contro Civitanova, chiudendo meglio le maglie difensive. Ed infatti in un amen ricuciamo lo strappo, arrivando al pareggio sul 52 pari, con buon parziale di 4-14. Purtroppo questo fuoco di paglia si spegne, perché da lì in poi Pistoia riprende le redini dell’incontro con un altro letale parziale e senza troppi patemi chiude l’incontro meritatamente sul 67-61.

A poco vale la giustificazione per l’assenza di Franceschelli (due mesi di stop per la frattura ad una mano), nonostante il buon approccio della nuova arrivata da Battipaglia, la mancina Elisa Policari. Speriamo che questa batosta psicologica possa servire per riorganizzare le idee, perché la classifica lassù è molto corta, ed ogni partita diventa una battaglia. A cominciare da domenica prossima a Savona

 

Questi i tabellini :

http://www.legabasketfemminile.it/MatchStats.aspx?ID=218&MID=38814